Calciomercato Napoli, le possibili cessioni: 3 big coinvolti

I 160 milioni di euro spesi da De Laurentiis da gennaio ad oggi obbligano il Napoli a puntare su cessioni importanti per non pregiudicare futuri investimenti. Sono diversi i calciatori che non verranno confermati, andiamo a scoprire chi saluterà la maglia azzurra nelle prossime settimane.

Cessioni in difesa: chi si fa avanti per Koulibaly

Inutile nasconderlo, tutto ruota attorno al nome di Kalidou Koulibaly. Il centrale senegalese è ormai un nome che circola con insistenza tra i bookmakers inglesi che prevedono un suo approdo in Premier League: sui siti in questione, che offrono anche giochi di casino tra cui free spin gratis senza deposito, le quote relative all’acquisto di KK da parte di uno dei due club di Manchester sono in forte ribasso.

Il “problema” è la quotazione di ADL: il presidente è fermo sulla richiesta di 100 milioni di euro, nonostante la pessima stagione di Kalidou, chiusa dalla nefasta serata di Barcellona. Ad oggi lo United è fermo a 70 milioni, il City a 55: l’impressione è che De Laurentiis dovrà fare un passo indietro se vuole davvero monetizzare la cessione di Koulibaly.

Luperto è fuori dai piani di Gattuso (c’è l’ipotesi Lecce), mentre uno tra Ospina e Meret saluterà: sul colombiano si registrano gli interessi di Roma e Torino, complicato immaginare che il Napoli ceda il giovane italiano visto l’importante investimento.

Discorso Ghoulam: l’algerino non ha mai recuperato la forma e le sensazioni pre-infortunio (il primo), il Napoli vuole cederlo ma non sarà semplice. Il problema è legato al suo ingaggio (3.5 milioni di euro a stagione), improponibile per la stragrande maggioranza dei club europei. Se Faouzi accetterà di spalmare il suo compenso su più stagioni, c’è l’ipotesi Newcastle che può diventare concreta.

Cessioni a centrocampo: Allan va da Ancelotti?

Dopo Koulibaly e Ghoulam un altro protagonista degli ultimi anni azzurri è destinato a partire. Parliamo ovviamente di Allan: per il brasiliano, 18 mesi fa, il Napoli rifiutò 70 milioni di euro dal PSG. E’ stato quello, con ogni probabilità, il punto di svolta in negativo dell’avventura partenopea dell’ex Udinese. Allan avrebbe guadagnato in Francia più del triplo di quanto percepito alle falde del Vesuvio.

La questione ammutinamento, qualche tensione coi tifosi e, soprattutto, tanta panchina, hanno poi segnato gli ultimi mesi di Allan a Napoli. Sarà ceduto ma a cifre enormemente inferiori rispetto a quelle preventivate nel gennaio 2019. Per lui, l’Everton di Ancelotti è disposto ad offrire 25 milioni di euro più bonus, il Napoli vuole almeno 30 milioni di euro.

Cessioni in attacco: dove finirà Milik?

Arkadiusz Milik non rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021 e mette Giuntoli in una situazione complicata. Il d.s. non può permettersi di perderlo a zero tra un anno e sarà costretto a cederlo subito. Ovvio che i club interessati hanno il coltello dalla parte del manico: la Juventus, con cui il polacco potrebbe avere già un accordo verbale, non è intenzionata a spendere i 40 milioni di euro richiesti di ADL e spinge soltanto per una trattativa con una o più contropartite tecniche. Vedremo se nei prossimi giorni si farà sotto la Roma (o qualche club di Premier League) che potrebbe utilizzare il jolly Under in un’ipotetica trattativa.

Callejon è in scadenza di contratto e si attende l’ufficialità del suo addio, Younes cercherà fortuna altrove, così come Llorente, mai impiegato da Gattuso. Resta il rebus Lozano: il club deve salvaguardare l’investimento fatto un anno fa (oltre 40 milioni di euro spesi per il cartellino) ma sa che il rischio flop è dietro l’angolo. Per il messicano si è parlato di un interesse dell’Atletico Madrid ma i “colchoneros” non andrebbero oltre i 20-25 milioni di euro: la cessione resta possibile a cifre più alte ma la sensazione è che il “Chucky” possa provare a riscattarsi con la maglia azzurra.

Commenti