Calciomercato Napoli, reparto per reparto tutti gli obiettivi azzurri

Manca poco più di un mese all’inizio del campionato e anche in casa Napoli si programma, con tempi strettissimi, la nuova stagione. Giuntoli ha anticipato i tempi con diverse operazioni in entrata chiuse già a gennaio, oltre ovviamente all’arrivo di Osimhen ufficializzato dopo una lunga trattativa. De Laurentiis, in questo 2020, ha già messo sul piatto circa 160 milioni di euro: il “piano di recupero” è già attivo, qualche cessione eccellente non dovrebbe mancare, ma non c’è alcun dubbio sul fatto che i partenopei chiuderanno altre operazioni in entrata. Andiamo a ricapitolare quelle che sono le ipotesi paventate negli ultimi giorni, tante relative a nomi di assoluto valore. Dimostrazione ulteriore che anche nella prossima Serie A il Napoli sarà tra le grandi favorite nelle quote antepost dei più importanti bookmakers: a tal proposito, il consiglio è di consultare la lista ufficiale dei casino online.

La difesa: un terzino sinistro è l’obiettivo prioritario

In porta bisognerà fare una scelta definitiva: l’alternanza Ospina-Meret, probabilmente “consigliata” dal club che non vuole svalutare l’investimento sul giovane portiere italiano, non è destinata a proseguire. Uno dei due partirà e c’è la possibilità di un ritorno di Sepe, reduce da ottime stagioni a Parma, da dodicesimo.

Il “gioco delle coppie” cui ha fatto cenno più volte Gattuso costringerà Giuntoli a cercare un terzino sinistro di qualità: ad oggi i laterali di ruolo del Napoli sono Di Lorenzo e Hysaj a destra, Rui e Ghoulam a sinistra. Se resta qualche dubbio sulla conferma di Hysaj (ma l’albanese ha convinto “Ringhio”), il destino di Ghoulam è segnato. L’algerino, al netto delle difficoltà legate al suo stratosferico ingaggio, sarà ceduto.

Chi sarà il prossimo terzino sinistro? Il Napoli aveva provato ad affondare per Tsimikas, ma il greco è ad un passo dal Liverpool. Si continua a parlare di Arias, già accostato ai partenopei nella scorsa sessione estiva di calciomercato: il colombiano, poi finito all’Atletico, gioca però a destra (stesso discorso per Faraoni). Due le ipotesi, entrambe interessanti: Sergio Reguilon, classe ’96 del Siviglia (di proprietà del Real Madrid) eletto miglior terzino della Liga e Luca Pellegrini. In questo caso il cartellino è di proprietà della Juventus che potrebbe inserirlo nella trattativa Milik. Si parla anche di Mykolenko, ucraino classe ’99 della Dinamo Kiev, valutato 10 milioni di euro.

Al centro, ovviamente, molto dipenderà da Koulibaly: nel caso in cui KK fosse ceduto, Giuntoli è pronto a chiudere per il brasiliano Gabriel, del Lille, che avrebbe tempo per ambientarsi in Italia alle spalle della coppia Manolas-Maksimovic. Sullo sfondo c’è anche l’argentino Romero mentre Rrahmani, e non Luperto, sarà poi il quarto centrale.

Il centrocampo, pochi scossoni in vista

Con l’arrivo di Demme e Lobotka a gennaio, la cabina di regia è assegnata per la prossima stagione. Fabian, Zielinski e Elmas saranno confermati (da loro ci si aspetta un salto di qualità in fase realizzativa), resta da sostituire Allan, destinato alla cessione. Complicato trovare un centrocampista con le stesse qualità, potrebbe essere fatto un tentativo per Nandez, argentino del Cagliari. Si parla anche del 22enne croato Vlasic, del CSKA Mosca, ma parliamo di un giocatore dalle caratteristiche completamente diverse da quelle del brasiliano.

Attacco, all-in su Boga?

Osimhen per Milik sarà la grande novità della prossima stagione del Napoli: il nigeriano avrà il compito di concretizzare la grande mole di occasioni che la squadra di Gattuso è capace di creare. Sugli esterni è destinato alla cessione Younes, così come ormai tutti sanno che Callejon saluterà dopo sette magnifici anni. Restano, quindi, Insigne, Politano e Lozano, ma il messicano sarà ceduto di fronte ad un’offerta attorno ai 40 milioni (non sarà semplice). Sono diversi gli esterni d’attacco accostati al Napoli, due nuovi azzurri potrebbero nascondersi in questa rosa di nomi: Bernardeschi (sempre all’interno dell’affare Milik-Juve), Under (affare da molti dato praticamente per fatto), Rashica, Thauvin e, ovviamente Boga. L’ivoriano è probabilmente l’obiettivo numero uno di Giuntoli ma c’è da battere la concorrenza di Dortmund e Atalanta.

Commenti