Abruzzo, Assessore alla Sanità: “C’è timore a livello nazionale. Siamo in attesa dei tamponi per i presunti casi di COVID-19”

A Radio Marte nel corso della trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuta Nicoletta Verì, Assessore alla Sanità della Regione Abruzzo.
“Abbiamo accolto con entusiasmo il Napoli, stiamo seguendo tutte le vicende in maniera attenta. Preoccupazione per i presunti casi di COVID-19 in ritiro a Castel di Sangro? Siamo in attesa dei risultati dei tamponi che abbiamo fatto somministrare in queste ore, sono 7, in maniera molto capillare, coinvolgendo maggiormente tutta la cittadinanza. Lo facciamo a livello cautelativo, mettendo in isolamento le persone che hanno avuto contatti diretti. Nel caso specifico, la conduttrice tv ha avuto contatti con altri cronisti, siamo in attesa. Tengo a precisare che nessuno dei giornalisti ha manifestato sintomi che facevano pensare al COVID-19 così come la signora,, che era asintomatica. Sembra che le persone in isolamento non abbiano partecipato a eventi.

Tensione tra i giornalisti? Il compito del servizio di prevenzione è tracciare i movimenti, grazie agli uffici competenti. Verificheremo se i giornalisti continueranno a stare in gruppo nonostante abbiano avuto contatti con la persona positiva. A livello Nazionale c’è timore, ma noi abbiamo alzato molto l’attenzione. Appena si crea un focolaio lo aggrediamo in maniera tempestiva, attenta e precisa.

Iter ritiro intatto? Esiste un comitato che eventualmente valuterà tutto, ma l’iter già prevede il rispetto delle norme di distanziamento sociale, quindi in riferimento agli allenamenti a porte aperte e alle partite, ma con procedure specifiche.
Le parole del Sindaco sulla carica virale bassa? Queste cose non può dirle un amministratore, ma possono dirle i comitati scientifici, oggi non possiamo parlare di questo. Certamente sono pazienti asintomatici e sono giovani ma questo non giustifica nulla, le norme da rispettare le conosciamo, l’attenzione dev’essere alta”.

Commenti