EDITORIALE: il giudice sportivo oggi si pronuncerà su Juve – Napoli, sono pessimista

E’ attesa per oggi la sentenza del giudice sportivo Mastandrea riguardo il caso Juve – Napoli;  comunque vada a finire, questa partita fantasma rimarrà un caso che creerà giurisprudenza. In questi dieci giorni in cui sono state alimentate tante di quelle ipotesi, il giudice sportivo si è dimenato tra tante carte, rinviando più volte il suo giudizio finale. Questo pomeriggio scopriremo se il potere del Palazzo può essere superiore a quello dell’Asl Napoli 2. Il povero Mastandrea, pur essendo consapevole che il club di De Laurentiis non ha colpe dovrà, sotto pressione, attenersi al protocollo della Lega, sottoscritto da tutti i presidenti di serie A e B e quindi, secondo regolamento, darà lo 0-3 a tavolino al Napoli. A mio modesto avviso si tratta di una sentenza già scritta fin dal giorno in cui la squadra partenopea, bloccata dall’Asl, non si è presentata a Torino. L’aver atteso tutto questo tempo per sentenziare non è stato altro che una farsa. Sbugiardare i massimi esponenti della Lega e della Figc, con una sentenza favorevole agli azzurri sarebbe, non solo sarebbe uno scacco al Palazzo, ma diventerebbe un precedente pericoloso sul quale molti altri club potrebbero aggrapparsi in caso di giocatori positivi. Sebbene ci sia stato un “legittimo impedimento”alla disputa del big match con la Juve, non credo che il giudizio di quest’oggi ne terrà conto. Ovviamente qualora il Napoli fosse condannato, si ricorrerebbe in appello e la questione potrebbe addirittura finire nelle mani del Tar con grande disapprovazione della Lega calcio. Potremmo persino arrivare a maggio per conoscere l’esito definitivo della vicenda, il che pregiudicherebbe ancor di più l’andamento di un campionato già falsato di suo. Un altro fattore che mi incute timore sul verdetto odierno è rappresentato dai precedenti del legale della società di De Laurentiis  che ha curato la questione. Per la cronaca l’avvocato Grassani non ha mai vinto una causa. Sarà un caso ma, da buon napoletano, io sono superstizioso e non credo alle coincidenze. Poi naturalmente sarò il più felice di tutti se stasera sarò smentito.

Commenti