EDITORIALE. Napoli vincente ma non ancora convincente

Finalmente al quarto tentativo gli azzurri hanno ritrovato il successo tra le mura amiche dello stadio San Paolo, o per meglio dire, di qui a breve, del Maradona Stadium. Infatti il Napoli, ieri sera, nella quarta giornata del proprio girone eliminatorio di Europa League, ha sconfitto i croati del Rijeka, ultimi in classifica, per 2 a 0, grazie ai gol di Politano e Lozano.  Un successo che proietta gli uomini di Gattuso in testa alla graduatoria, con nove punti, due in più delle rivali Az e Real Sociedad che nello scontro diretto di Fiume si sono annullate a vicenda, pareggiando per 0 a 0. Napoli vincente, ma non convincente; gli errori difensivi sono ancora evidenti, neanche quella con i modesti avversari croati si è rivelata una prestazione all’altezza del valore del team partenopeo. Per intenderci attualmente il Napoli è ben lontano dalla squadra ammirata contro l’Atalanta. Probabilmente pure lo sconforto per la scomparsa dell’idolo dei tifosi napoletani ha inciso nella mente dei giocatori che hanno fatto il possibile per dedicare la vittoria al grande Diego ma non hanno ostentato, per l’ennesima volta, quella cattiveria agonistica e quella mentalità vincente di cui hanno bisogno per combattere per il vertice del campionato. Tra solo tre giorni, sarà ospite, a Fuorigrotta, la Roma, una formazione che vive un ottimo momento di forma e che ritroverà tra le sue fila il bomber Dzeko, autentica bestia nera degli azzurri. Pertanto sarà l’ennesimo ostacolo assai difficile da sormontare, tuttavia occorrerà dare anima e corpo in tutti i 90 e passa minuti del match e per prima cosa l’approccio alla partita deve essere totalmente diverso dagli ultimi tempi, altrimenti si andrà incontro a tantissime difficoltà.

Commenti