Gli interventi di Emanuele Calaiò, Christian Bucchi e Bruno Majorano a Radio Marte

A Radio Marte nel corso della trasmissione “Marte Sport Live” è intervenuto Emanuele Calaiò, dirigente della Salernitana
“La vittoria recente dà morale e fiducia per il campionato. Chiaramente non è ancora rimarginato il tutto, sento sempre rumors su allenatore e Giuntoli. C’è ancora qualche problema ma l’importante era portare il risultato a casa e l’ha fatto. Il Napoli è stato guardingo e cinico all’occorrenza. Io preferisco sempre vincere e giocare meno bene che perdere e fare un grande calcio. Con questa vittoria magari la squadra è più in fiducia.
Come vivono i calciatori questi momenti? Sicuramente destabilizza sentire certe cose, da una parte mentalmente si allena però poi c’è l’orecchio che ascolta. La cosa importante è il gruppo e i ragazzi stanno con Gattuso, lo hanno dimostrato. Le vittorie aiutano sempre. Credo ci siano ancora le scorie della partita persa in Supercoppa, bisogna ritrovare costanza.
Napoli-Atalanta? Mi spaventa l’aspetto fisico e atletico, vedo gli azzurri un po’ in calo. Invece l’Atalanta sappiamo che punta molto su questo. Se loro stanno bene fisicamente allora non sarà facile però penso che conteranno molto le motivazioni. In Coppa Italia e in Europa League il Napoli deve andare più avanti possibile, il campionato è a rilento, la Supercoppa persa. Deve cercare di centrare l’obiettivo più importante, cioè arrivare tra le prime 4 in Champions”.

A Radio Marte nel corso della trasmissione “Marte Sport Live” è intervenuto Christian Bucchi, allenatore.
“L’anomalia che rappresenta il Napoli sta nel fatto che ha trovato un allenatore giovane, preparata e un fuoriclasse di persona, anche la questione rinnovo va avanti da mesi. Se si parla di rinnovo e siamo ai dettagli da giorni evidentemente c’è un percorso da fare con quell’allenatore. Non può accadere che dopo qualche sconfitta – di cui alcune assurde, come quella contro lo Spezia – tutto venga messo in discussione. Penso che questo abbia fatto male a Gattuso. Penso anche a Fonseca, che è stato messo almeno 15 volte in un anno e mezzo in discussione senza trattativa di rinnovo. Gattuso ha le spalle larghe e sa che accadono anche queste cose. Il presidente è di una intelligenza estrema, troverà il modo e il tempo per risolvere la situazione. Sono due leader e il Napoli ha un grandissimo dirigente come Giuntoli. Il Napoli è strutturato bene e sarebbe ottimo se questa partnership andasse avanti per molti anni.
Sicuramente giocare ogni 3 giorni toglie energie, per questo serve una rosa profonda. Ho ancora negli occhi la meravigliosa prestazione contro l’Atalanta in campionato. Difficile replicarla domani, anche perché c’erano Mertens e Osimhen e hanno massacrato l’Atalanta. Spero che il Napoli riesca ad essere come piace a noi: quadrato, fastidioso, difficile da affrontare e che diverte quando ha la palla. Gli ultimi 15′ della gara di ritorno saranno decisivi per la qualificazione”.

A Radio Marte nel corso della trasmissione “Marte Sport Live” è intervenuto Bruno Majorano, giornalista.
“In questo momento la situazione è di grande freddo. C’è un gelo che è un po’ una tregua armata, visto che l’obiettivo comune è quello di arrivare dove ci si era prefissati a inizio stagione. L’Atalanta arriva in un momento sempre decisivo nella stagione del Napoli, perché in campionato arrivò dopo la bolla post caos Juventus-Napoli e gli azzurri fecero un partitone. Adesso è il peggior avversario che si possa avere. Mi aspetto una gara divertente e una reazione. Mercato? Il Napoli doveva fare qualcosa. Resta sempre il problema del terzino sinistro”.

Commenti