EDITORIALE DEL LUNEDI’. L’Olimpico decreta Napoli vicinissimo alla zona Champions

In tema Italia con le famose zone colorate, il posticipo di ieri sera, relativo al 28esimo turno di serie A, disputato all’Olimpico di Roma ha collocato il Napoli, quasi in zona Champions League. Il successo contro i giallorossi, infatti è stato importantissimo in quest’ottica, primo perchè ha messo dietro la formazione di Fonseca che si è confermata incapace di vincere uno scontro diretto, e poi perchè dà morale e fidicia per il raggiungimento dell’obiettivo quarto posto, sempre dichiarato a bocce ferme. Ma la cosa che ci conforta di più è l’aver ritrovato la squadra di inizio stagione, con quasi tutti i titolari in campo, a cominciare da Diries, o per meglio dire, Ciro Mertens, sempre più goleador e giocatore indispensabile per Gattuso.  Con la doppietta rifilata alla Roma il belga ha raggiunto quota 100 gol in massima serie. Una magistrale punizione dal limite ed un colpo di testa, hanno affondato i giallorossi, completando il gran repertorio del belga-napoletano  che ha così ribadito la forza del Napoli di lottare per la Champions League quando in campo ci sono gli effettivi. Dopo il successo della settimana scorsa è arrivato anche il successo nella capitale, due trasferte molto temute per le quali nessuno avrebbe pronosticato sei punti. Quella di ieri è stata una giornata indimenticabile per la Campania che ha visto vincenti tutte le formazioni professionistiche, da elogiare, soprattutto il Benevento per l’Impresa contro la Juve.  Sorridono, dunque Gattuso che  ha risposto per le rime ai suoi denigratori, Pippo Inzaghi e Castori.  Gli azzurri hanno conquistato tredici punti, che senza la sciocchezza del finale di Reggio Emilia, potevano essere anche 15, in cinque partite, un score che ha trasformato la formazione del tecnico calabrese. Dopo l’altalena di alti e bassi di qualche mese fa, si è finalmente tornati alla continuità, un fattore indispensabile per le zone di vertice della classifica. Il Napoli ha giocato i primi 45 minuti da grande squadra, dominando in lungo ed in largo i padroni di casa, poi nella ripresa ha badato a gestire il risultato che tuttavia poteva rimettersi in gioco grazie all’immancabile errore in difesa, stavolta del gigante senegalese, unica sbavatura, che ha innescato un tiro velenoso di Pellegrini finito sul palo. Lo spavento ha pertanto invitato gli azzurri a controllare più attentamente i contropiede degli avversari che non hanno così più avuto occasioni da gol. Da rimarcare il rientro in campo di Lozano che naturalmente non è ancora al meglio ma è già è qualcosa, anche il messicano servirà come il pane in questa affascinante lotta a cinque formazioni per due due soli posti Champions. Ieri il Napoli ha meritato un 7 e mezzo in pagella avendo sconfitto una diretta concorrente, poi se volessimo stilare una classifica, a mio modesto avviso, dopo il match winner, a cui darei un 8 pieno, metterei al secondo posto, a pari merito Zielinsky, imprendibile il polacco e Fabian Ruiz, faro del centrocampo, a cui metterei un bel 7 in pagella. Nuovamente, concludendo, una bella prova di Hysaj, che ha confermato il buon momento di forma. Quasi tutti insufficienti, viceversa, i voti dei giocatori romanisti, bocciati all’ennesimo esame di maturità.

Commenti