Fausto Pari: “Zaccagni sarebbe adatto al Napoli, può giocare in tanti ruoli: ne parleranno le società”

A Radio Punto Nuovo, nel corso di Punto Nuovo Sport Show, è intervenuto Fausto Pari, agente ed ex calciatore di Sampdoria e Napoli: “Ancora oggi provo grande emozione ripensando allo scudetto vinto con la Sampdoria nel 1991. Boškov ci diede la consapevolezza della nostra forza, il presidente Mantovani riuscì a rendere possibile l’impossibile, costruendo nel tempo una squadra completa sotto tutti i punti di vista. La finale di Coppa dei Campioni persa nel 1992 contro il Barcellona è il rimpianto più grande della mia carriera, ho deciso di non rivedere mai più quella partita. Il gol segnato da Mancini al San Paolo nel 1990 è uno dei più belli che io abbia mai visto. Mancini, da allenatore, ha imparato moltissimo da Boškov, è diventato riflessivo, l’opposto di com’era da calciatore. Contro il Napoli ho segnato la mia prima rete con la Sampdoria ed è quella che ricordo con più piacere. Il mercato per ora è completamente fermo, le squadre devono capire quale sarà il budget a disposizione in base al piazzamento in campionato. Zaccagni sarebbe un ottimo acquisto per il Napoli, in un 4-2-3-1 può giocare in tutti e tre i ruoli dietro alla punta, in un 4-3-3 può giocare sia da mezzala sia da esterno offensivo. La sua posizione naturale, a mio avviso, è quella di mezzala. Vignato e Raspadori stanno dando grandi soddisfazioni non solo alla mia agenzia, ma anche e soprattutto alle squadre in cui stanno giocando. Il loro futuro è sicuramente roseo. Vignato è più agile e meno potente rispetto a Mancini, ha una grande visione di gioco. Raspadori è rapidissimo nel breve, anche se non ha la potenza fisica di Vialli. È molto bravo nell’associarsi con i compagni. Per quanto riguarda il valzer degli allenatori, tutto dipenderà dalla decisione di Zidane”.

Commenti