Gli interventi di Luca Marelli, Stefan Schwoch e Giuseppe Bruscolotti a Radio Punto Nuovo

Marelli: “Inghilterra favorita? Non facciamo passare un messaggio sbagliato in Italia. Il rigore non c’era, ma…”

A Radio Punto Nuovo nel corso di Punto Nuovo Sport Show è intervenuto Luca Marelli, ex arbitro: “Errore di Makkelie? Il rigore non c’è, ma al 73esimo c’era un rigore netto a favore dell’Inghilterra per un fallo subito da Kane in piena area di rigore. Non dobbiamo, però, alimentare certe situazioni. Il Var non poteva intervenire. Sul doppio pallone si dice una sciocchezza: il gioco non andava interrotto perché non influisce minimamente sul gioco. Non ha arbitrato malissimo Makkelie, l’episodio accade in una frazione di secondo. Brych? Direzione inguardabile a livello arbitrale. C’era un rigore per una trattenuta di Di Lorenzo. Brych ha mancato sei provvedimenti! A livello giornalistico posso anche comprendere un certo ragionamento me, ma a livello arbitrale è un piano totalmente differente. Makkelie non ha arbitrato male, Brych ha arbitrato malissimo ma non ha inciso sul risultato. Non avrei fischiato il rigore di Di Lorenzo in Italia-Belgio. Kuipers sarà l’uomo della finale al 99%, è un grande arbitro, un po’ in calo a livello atletico”.

Schwoch: “Con un solo sacrificio, il Napoli può lottare per lo scudetto”

A Radio Punto Nuovo nel corso di Punto Nuovo Sport Show è intervenuto Stefan Schwoch, opinionista Dazn: “Bisognerà essere professionali in telecronaca Ma l’amore che c’è tra il Napoli e la città di Napoli per me è sempre enorme. Se dovesse capitare un gol del Napoli durante una telecronaca su Dazn si dovrà mantenere equilibrio. Ho giocato anche al Torino ed al Venezia. In Serie A si torna con le sette sorelle: con tanti punti interrogativi anche per la Juve. Le romane ritrovano due allenatori importantissimi. Se il Napoli dovesse sacrificate solo uno tra Koulibaly e Fabian Ruiz potrebbe essere una grossa pretendente per giocarsela fino alla fine”.

Bruscolotti: “Rinnovo Insigne? Al 50% il Napoli ha perso il suo capitano”

A Radio Punto Nuovo nel corso di Punto Nuovo Sport Show è intervenuto Giuseppe Bruscolotti, ex capitano del Napoli: “La maglia più bella del Napoli che ho indossato? Al di là di quella azzurra che più mi piaceva indossare, è stato bello giocare con la maglia rossa. Contro gli inglesi ho giocato. C’era Cennon del Southampton, è passato sotto il mio rullo compressore. La finale? Il fattore campo può incidere tanto, l’ambiente può fare la differenza. Mi auguro che il centrocampo riesca a ritrovarsi perché nelle ultime apparizioni abbiamo avuto un po’ di difficoltà. L’assenza di Spinazzola è molto pesante, su quella fascia lo stesso Insigne non è riuscito a esprimersi più agli stessi livelli. Non dobbiamo fasciarsi la testa, anche perché tutti gli azzurri faranno la loro parte. La nostra Nazionale ha dimostrato di essere una delle migliori sul piano del gioco, credo che l’Italia possa dimostrare tutto il suo valore. L’Inghilterra è squadra dura in difesa, Sterling è un problema palla al piede. Uscita dal basso? Abbiamo ripreso a farlo, ma anche Donnarumma ci fa tremare e quel tiki taka. Meglio giocare avanti, senza rischi inutili. Rinnovo Insigne? Bisogna lasciare i telefonini da parte, hanno detto che avrebbero risolto la situazione, ma al 50% il Napoli ha perso Insigne e sarebbe un grande peccato. Mi auguro che ci sia ancora l’intento per una collaborazione, ma a sentire le voci la strada non è in discesa”.

Commenti