Gli interventi di Antonio Corbo, Italia Mele e Beppe Accardi a Radio Marte

A Radio Marte nel corso della trasmissione “Marte Sport Live” è intervenuto Antonio Corbo, giornalista.
“Gli allenatori del Napoli che si vogliono incatenare per trattenere i big? Io devo dar ragione a De Laurentiis: Koulibaly ha un contratto, l’ha firmato. A volte vogliamo creare attorno al mercato una commedia all’italiana. Finché vuole può restare fino a scadenza. Se non vuole restare, dirà al suo agente di procurargli un’offerta. Se vuole restare può restare, De Laurentiis si limita ad ascoltare le potenziali richieste.
Ci sono ombre e ferite nella memoria dei tifosi del Napoli e la dimensione di queste ferite è immensa. Ce ne si accorge a Dimaro: c’è un’atmosfera sicuramente diversa rispetto a 2 anni fa. Ricordo che c’erano più di 1500 persone agli allenamenti. Potevano esserci di più dopo la vittoria dell’Italia ma leggo di un’atmosfera abbastanza malinconica. I tifosi presenti si sono comportati da signori ma l’atmosfera è diversa: c’è noia, sdegno per quel che il Napoli poteva fare e non ha fatto. Al disordine tattico di Gattuso e ai cambi non sempre felici si è aggiunta la mancanza di personalità per colpa dei giocatori.
Zielinski ha parlato di più personalità: anche un giocatore corretto, serio e senza intemperanze come lui ha dato una diagnosi come la nostra. Il Napoli è mancato l’anno scorso di coerenza tattica ma soprattutto di personalità. Secondo me bisogna capire cosa è successo, perché il Napoli per il secondo anno non è in Champions League? La squadra non ha fatto il suo dovere, bisogna rinforzarla non con i grandi nomi ma con giocatori di carattere che diano sempre il massimo.
Inaugurazione stadio Maradona? Sono stato vicino a Diego con rispetto e da professionisti. Ho sofferto quando è morto, l’ho seguito anche nel suo cupo tramonto di Dubai. Il mio rapporto con Maradona è intenso, basato su ricordi ed emozioni. Non mi fermerò nemmeno: è una festa inventata, labile, fragile nei sentimenti e intempestiva. Il Napoli – che in qualche modo farebbe bene a far rivivere il ricordo – cerca invece di staccarsi. Diego ha fatto cose grandi per il calcio e per la sua squadra, che è stata e sarà sempre il Napoli”.

A Radio Marte nel corso della trasmissione “Marte Sport Live” è intervenuto Italia Mele, giornalista.
“Koulibaly? La frase mi ha portato un po’ un brivido lungo la schiena, mi ha ricordato quella di Ancelotti che voleva incatenarsi a Castel Volturno per non vendere i big. Speriamo porti più fortuna. Il passato però non si può cambiare e Koulibaly è un valore aggiunto. Credo che resterà e che Spalletti non dovrà incatenarsi, la squadra dovrebbe restare com’è. Per ottenere risultati importanti servono giocatori importanti ma ora bisogna fare il salto di qualità. Bisogna vincere, vedremo se i presupposti saranno buoni. Emerson Palmieri? Piace moltissimo ma si può realizzare solo negli ultimi giorni di mercato. Probabilmente il Napoli porrà rimedio prima con Olivera o Mandava. Mario Rui ha fatto il suo dovere in questi anni ma un nuovo innesto è necessario. Colloqui post allenamento? Elmas è stato al centro di dichiarazioni importanti, poi anche Koulibaly ha parlato con Giuntoli”.

A Radio Marte nel corso della trasmissione “Marte Sport Live” è intervenuto Beppe Accardi, agente.
“Credo che le priorità del Napoli sia quella di trattenere i giocatori che ha già. Si parla di grandi giocatori acclamati dopo che abbiamo vinto un Europeo con giocatori che solo dopo lo sono diventati. Quando arrivò Sarri a Napoli arrivò con la stessa logica di Spalletti e partì da quei giocatori come Koulibaly o Jorginho che non avevano fatto una grande stagione. La verità sta sempre nel mezzo. Oggi c’è la crisi e il Napoli ha due priorità: deve rasserenare Koulibaly per farlo restare e mettere a posto la situazione Insigne. Poi il tempo per andare sul mercato si trova. Tante squadre si stanno muovendo mettendo in piedi buone squadre. Spalletti è una persona molto intelligente, così come De Laurentiis: troveranno la quadra e si toglieranno qualche soddisfazione importante. Spalletti ha le stesse capacità di Mancini per poter fare ottime cose”.

Commenti