EDITORIALE post Europa League. Napoli: vittoria, gol, spettacolo e primo posto nel girone C

Editoriale post Legia Varsavia – Napoli: per gli azzurri impegnati, ieri sera, in terra polacca, contro il Legia, nella gara valida per la quarta giornata del girone C di Europa League, è arrivata la vittoria che serviva per superare i padroni di casa e conquistare il primato in classifica. Il Napoli ha regalato, nel contempo, ai propri tifosi una serata entusiasmante con gol, spettacolo e tanto gioco, pur con le assenze pesanti di Osimhen, Insigne, Fabian, rimasti a Napoli per precauzione, in vista del match di campionato di domenica al Maradona, con il Verona che evoca brutti momenti. Petagna, Demme e Elmas che li hanno sostituiti non sono stati da meno dei loro compagni di squadra, confermando in pieno la teoria di Spalletti, il quale afferma di avere una rosa di tutti titolari, pronti ad alternarsi, a seconda delle esigenze della gara. Il successo di ieri è stato fondamentale in ottica passaggio agli ottavi di finale della competizione, senza ricorrere ai play off spareggio. Un 4 a 1 travolgente, firmato Zielinsky, su rigore, tornato ai suoi abituali livelli, Mertens, sempre su tiro dagli undici metri, al suo 136esimo gol in azzurro, Lozano e Ounas, un gol da antologia del calcio, quello del franco-algerino. Insomma, cosa vogliamo di più da questo gruppo che sta facendo un cammino eccellente, finora, in questa stagione che sembra nata sotto i migliori auspici per far sognare nuovamente la piazza partenopea che da oltre trent’anni non gioisce per un trionfo in campionato. Nella conferenza stampa post gara l’allenatore del Napoli ha manifestato, con gli occhi lucenti dalla contentezza, la sua enorme soddisfazione per l’ottima prova dei suoi giocatori, definendoli, a giusta ragione, un gruppo fantastico e ben assortito che gioca l’uno per l’altro senza personalismi o egoismi. Bellissima, inoltre, l’iniziativa degli azzurri, prima del fischio d’inizio, dell’arbitro Vinner: tutti si sono inginocchiati in mezzo al campo in segno di protesta verso gli episodi di razzismo che spesso si vedono negli stadi. Un gesto non gradito dal pubblico polacco che ha cominciato a fischiare la squadra ospite. Una cosa assolutamente non nuova per gli impianti sportivi della Polonia. Dal canto suo il Legia non si è scomposto ed è rimasto in piedi, attendendo che gli avversari si rialzassero. Neanche il tempo di gustare questo bellissimo trionfo europeo che dopodomani si ritorna in campo, rituffandoci nella nostra serie A, dove il Napoli di Spalletti la sta facendo da padrone con 31 punti conquistati, frutto di dieci vittorie, un pari e soltanto tre reti subite. Un primato condiviso, tuttavia, con il Milan, che domenica, però sarà impegnato nel derby con i campioni d’Italia dell’Inter in un match assai ostico che potrebbe avvantaggiare gli azzurri che, sulla carta hanno una partita meno proibitiva. I tifosi napoletani preferirebbero che il derby finisse in parità per distanziare i rossoneri di due punti e di allontanare, ancor di più. i nerazzurri che rappresentano il vero pericolo per la compagine del tecnico toscano.

Commenti