ANTEPRIMA PARTITA NAPOLI vs LEICESTER, azzurri condannati a vincere

Domani sera, al Maradona, il Napoli, probabilmente in versione Atalanta, si giocherà tutte le sue chances di qualificazione alla fase successiva della seconda competizione continentale, nel match contro il Leicester, attualmente primo nel girone C di Europa League. Un girone incertissimo, in cui tutte le formazioni presenti possono ambire a passare il turno essendo racchiuse in un fazzoletto di punti. Dicevamo Napoli versione Atalanta in quanto, a tutt’oggi a poco più di 24 ore dalla partita, restano indisponibili i vari Fabian, Insigne, Koulibaly, Anguissa, Osimhen ai quali si è aggiunto anche lo slovacco Lobotka, uscito anzitempo, nel corso della gara di sabato sera. Viceversa è tornato nel gruppo il difensore greco Manolas che tuttavia non è pronto per essere inserito dal primo minuto nella formazione anti Leicester. Alla squadra di Spalletti servirà assolutamente la vittoria se vuol ambire a proseguire il cammino in Europa League, un altro risultato potrebbe portare gli azzurri alla retrocessione in Conference, cosa da evitare per tante ragioni.  Ma ecco in quali casi l’undici partenopeo si qualificherebbe alla fase successiva della manifestazione:

  • Napoli agli ottavi se batte il Leicester e lo Spartak non batte il Legia
  • Napoli ai sedicesimi di Europa League se batte il Leicester e lo Spartak batte il Legia
  • Napoli ‘retrocesso’ in Conference League se non batte il Leicester e il Legia non batte lo Sparta.
  •  Vediamo, ora, le probabili formazioni che scenderanno in campo al Maradona: Spalletti al 90% dovrebbe confermare il 3-4-2-1 proposto contro i bergamaschi con Mario Rui in mediana. Come d’abitudine Meret portiere di Coppa, tornerà tra  i pali con Di Lorenzo sul centrodestra in difesa, il macedone  Elmas a sinistra a tutta fascia e forse Petagna in avanti  supportato da Politano e Lozano. Infatti il tecnico toscano pare intenzionato, almeno inizialmente, a tenere in panchina Zielinski e Mertens. In casa inglese l’allenatore proporrà Jamie Vardy come primo attaccante supportato da trequartisti tra cui il talentuoso Maddison. Ndidi sarà il faro del centrocampo, mentre terzino destro giocherà  l’ex atalantino Castagne. Dunque, qui di seguito, i possibili schieramenti:

NAPOLI (3-4-2-1): Meret; Di Lorenzo, Rrahmani, Juan Jesus; Malcuit, Demme, Mario Rui, Elmas; Politano, Lozano; Petagna. All. Spalletti.

 

LEICESTER (4-2-3-1): Schmeichel; Castagne, Evans, Soyuncu, Thomas; Soumare, Ndidi; Lookman, Maddison, Barnes; Vardy. All. Rodgers.

Per quanto riguarda le statistiche di questa sfida italo- britannica, ricordiamo che l’unico precedente tra le due compagini è quello della gara di andata in terra inglese, quando il Napoli pareggiò per 2 a 2, rimontando lo svantaggio iniziale di 2 a 0 grazie ad una doppietta di Victor Osimhen. Per la cronaca l’ex squadra di Claudio Ranieri non ha mai disputato una partita nella nostra penisola, per cui sarà la prima volta che calcherà un campo italiano. Dal canto loro i partenopei, a Fuorigrotta, nei dieci precedenti con compagini britanniche hanno avuto la meglio in sei occasioni, l’ultima fu la vittoria contro i Red Devils nel 2019, successo per 2 a 0 nel girone di Champions. In conclusione, la formazione azzurra ha perso l’ultima partita  della fase a gruppi soltanto una volta, durante le cinque stagioni  in cui ha partecipato all’Europa League. Parliamo del match  col PSV Ehindoven, in cui giocava Dries Mertens, nella stagione  2012-2013.

Commenti