Gli interventi di Fulvio Marrucco, Enzo Bucchioni e Nicolò Schira a Radio Marte

A Radio Marte nel corso della trasmissione “Marte Sport Live” è intervenuto Fulvio Marrucco, avvocato.
“Sicuramente Osimhen e Koulibaly sono i due giocatori che in questo momento mancano di più al Napoli, specialmente Koulibaly perché se non si acquista subito un centrale siamo cortissimi dopo la fuga di Manolas.
Vicenda Osimhen? Se parte da Napoli con dei certificati medici che sostengono la non completa guarigione e la pericolosità di schierarlo in campo e la Nigeria lo fa giocare possono sorgere problemi. Si possono fare ulteriori approfondimenti medici assumendosi una grossissima responsabilità. C’è da dire che la volontà del giocare in questo argomenti è suprema. Il Napoli può chiedere di far giocare Osimhen contro la Juventus? Può chiederlo ma non so se la Nigeria sarà d’accordo, risposta scontata.
Il Napoli dovrebbe poi aspettare che la Nigeria venga eliminata per poterlo utilizzare. Per la visita fatta in Nigeria sarebbe il caso che il Napoli mandasse un suo esperto che presenziasse e potesse mettere per iscritto la situazione. Insigne al Toronto? Se l’offerta è reale, lui non ci deve pensare due minuti. Poi se le sue valutazioni sono differenti a questo punto dovrà prenderne atto e chiudere un contratto a cifre nettamente inferiori rispetto a quelle del Toronto”.

A Radio Marte nel corso della trasmissione “Marte Sport Live” è intervenuto Enzo Bucchioni, giornalista.
“Hugo Maradona? Notizia shock a poco più di un anno dalla morte di Diego. Il Napoli deve prendere subito il difensore, non può farsi trovare impreparato. Ha i giocatori contati. Di Lorenzo una partita la può giocare centrale ma il colpo va fatto subito. Giuntoli magari ha un asso nella manica che al momento non conosciamo, penso che questa operazione comunque s’ha da fare. Anche il Milan ha il problema Kjaer ma ha 3 centrali a disposizione quindi il problema si sente meno. Nel Napoli c’è un’emergenza. Insigne? Spero che la situazione si risolva in maniera positiva, sarei un po’ deluso se questo ragazzo che è l’emblema di Napoli andasse via. Anche pensare a un campionato minore…Insigne può ancora dare tanto al Napoli e al calcio, fatico a comprendere questi meccanismi. Insigne serve ancora alla causa. Poi se è lui che ha bisogno di cambiare aria allora questo è possibile, magari si aspettava un calore umano diverso già dal ritiro. Sfido chiunque a dire che Insigne non sia stato determinante in questi anni, può peraltro dare ancora tantissimo”.

A Radio Marte nel corso della trasmissione “Marte Sport Live” è intervenuto Nicolò Schira, giornalista.
“Mercato? Le squadre faranno qualcosa con idee e invenzioni, sulla falsa riga di Anguissa al Napoli o Tomori al Milan. Bisogna trovare delle occasioni ma alla fine tutti hanno bisogno. Sarri vorrebbe un vice Immobile e un terzino sinistro, la Juve sotto sotto cerca un attaccante o un centrocampista, Milan e Napoli hanno necessità numeriche di prendere un difensore, la Fiorentina non si fermerà a Ikoné ma cerca un vice Vlahovic. Mourinho ha chiesto 3 rinforzi alla Roma, poi le piccole per salvarsi dovranno fare una rivoluzione. Napoli? Sta cercando l’incastro giusto. L’idea è quella di fare un prestito con diritto di riscatto, quindi non spendere soldi per il cartellino. In questo momento sta ragionando sulla chance giusta senza farsi prendere dalla fretta. Ovviamente prima prende il difensore e meglio è. Napoli e Milan stanno facendo un mercato parallelo, non mi sorprenderei se dovessero incrociare le armi anche sul mercato. E’ difficile anche perché il mercato non offre molto. Se si lavora bene, con calma, il mercato inglese ha tanti giocatori in uscita che possono poi fare la differenza in Italia. Insigne? Non è così vicino al Toronto ma quella è l’unica società che ha messo un’offerta sul tavolo. Ci sono stati tanti sondaggi ma poi offerte vere e concrete non ce ne sono a parte il Toronto. Insigne va per i 31, andare in MLS è un po’ un cimitero degli elefanti. Non mi sembra sia una step di crescita di carriera. Poi una scelta economica ci può stare, l’hanno fatta tanti prima di lui. Il difensore del Napoli sarà italiano? Gatti e Viti sono due ragazzi giovani, non penso che risolveranno i problemi o diano un salto di qualità adesso. Lo stesso Luperto sta facendo bene ma era propedeutico per lui giocare con continuità. Credo che il profilo giusto sia più verso l’estero”.

Commenti