La FIFA studia tempo effettivo e nuovo fuorigioco

“Il tempo effettivo va studiato. Non ho taboo. Appena c’è un piccolo fallo, se la squadra vince, il giocatore resta per terra come se l’avesse colpito un fulmine, cosa che per esempio non succede nel calcio femminile. Non è possibile che su 90 minuti le gare durino 40 minuti. Non so se è quella la soluzione. Ma io ero contrario anche alla Var all’inizio. Studiamo e capiamo. La regola del fuorigioco per esempio va cambiata dando più vantaggio agli attaccanti”. Così a Radio anch’io Sport il presidente della Fifa Gianni Infantino.

Il numero uno della federcalcio mondiale parla anche delle possibili innovazioni regolamentari: “Dobbiamo riuscire a trasmettere l’emozione del calcio ai ragazzi. Oggi il nemico sono le attività che i giovani fanno al di fuori del calcio. Dobbiamo essere innovativi con competizioni e regole, senza distruggerlo. Utilizzando per esempio la Var col buonsenso, con aspetto umano e emotivo. Dobbiamo invogliare i bambini a mettere da parte i telefoni e andare in strada a giocare”.

“Olimpico intitolato a Paolo Rossi? Non esiste essere contrari a Pablito, tutti gli italiani e mi ci metto anche io come italiano all’estero, dobbiamo sostenere questa idea e questo progetto, nessuno ha avuto un impatto così positivo come Rossi su tutta una generazione di italiani, ha dimostrato che l’impossibile può diventare possibile”, ha spiegato Infantino. “Avevo 12 anni, mi ricordo benissimo quel Mondiale del 1982 che ha rappresentato qualcosa di eccezionale e che ha permesso a noi italiani all’estero di essere guardati in maniera diversa – ha aggiunto Infantino -. Per me intitolare lo stadio principale d’Italia a Rossi è un qualcosa che va fatta in fretta e mi complimento con il Parlamento o con chi porta avanti questa iniziativa, i giovani devono ricordare la storia di Pablito”.

Fonte: onefootball.com

Commenti