Udogie, l’agente: “Su di lui tanti si fanno domande. Napoli? Con il fisso nessuno mi chiama. l’Udinese al Maradona con umiltà”

A Radio Marte nel corso della trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Stefano Antonelli, agente di Udogie.

“Udogie e il gol di mano contro il Milan? Mi ha detto di no. Ma da lì a dire che sia stata una tragedia, dopo quello che ho visto sabato e domenica…Al confronto questo è un cioccolatino. Il rigore alla Roma è veramente dubbio, inutile poi parlare del rigore non dato a Belotti. Meglio non parlarne, che si perde solo tempo. Gli organi predetti però dovranno dare segnali forti. Parlarne ancora non restituirà punti all’Udinese o al Torino.
Napoli-Udinese? Ovunque vada, l’Udinese deve fare la partita della vita, perché sa che dovrà usare umiltà. Il Napoli ha un organico intero che può mettere tutti in difficoltà da subito. Penso che l’Udinese verrà a Napoli con grandissima umiltà, con 3-4 giocatori di livello. Udogie giocherà la 21^ partita titolare in Serie A a grandi livelli, dato importante. Ma il Napoli sarà in grande spolvero e si sta giocando qualcosa di importante. Ogni domenica il campionato propone una nuova favorita ma la realtà è che sono tutte divise da 3 punti.
L’Udinese cerca di coprire il campo nella miglior maniera possibile, può fare male con Deulofeu e Pereyra. Quando pareggio con Juventus, Milan, Roma e Lazio sei vicino a fare la partita perfetta. Con la Roma secondo me quella è una partita che l’Udinese merita di vincere. Venire a Napoli significa però venire a giocare con una squadra in salute, che ha avuto un paio di frenate inattese. La squadra però sta giocando calcio, sta facendo bene. Sulla carta la partita è abbastanza chiara ma l’Udinese può dare fastidio.
Udogie e il futuro? Il ragazzo è definitivamente dell’Udinese a tutti gli effetti. Offerte? A parte il ruolo, lui è molto forte nella parte strutturale, è alto 1,89 ed è italiano, quindi in tanti si fanno domande. Arrivano chiamate da Napoli e Castel Volturno? Con il fisso nessuno mi chiama. Se mi chiamano lo fanno per sapere come sto”.

Commenti