Play off, Pisa-Benevento 1-0: si ferma il cammino della Strega. Addio sogni di gloria

Semifinale di ritorno tra Pisa e Benevento. Gara che deciderà chi andrà in finale a sfidare Monza o Brescia per l’unico posto rimasto disponibile per approdare in massima serie. 900 i tifosi a seguito della Strega, che non faranno mancare il proprio sostegno. Padroni di casa che devono rimontare la sconfitta di misura patita all’andata. Il Benevento ha a disposizione due risultati su tre. Pareggio o vittoria bastano per passare il turno, ma Caserta ha assicurato che la squadra non penserà  all’esiguo 1-0 dell’andata.

Mister D’Angelo risolve gli interrogativi legati alla vigilia e manda Hermannsson in campo dal primo minuto. Si accomoda in panchina De Vitis. A centrocampo Mastinu vince il ballottaggio con Touré e Siega. Ecco lo schieramento iniziale che scenderà in campo: Nicolas in porta, Birindelli, Leverbe, Hermannsson, Beruatto a formare il pacchetto difensivo. Mastinu, Nagy, Marin a centrocampo. In attacco Benali dietro le punte Torregrossa e Puscas.

Caserta manda in campo Ionita dal primo minuto e avanza Tello in attacco. Pertanto, con Paleari in porta,  linea difensiva composta da Masciangelo, Barba, Glik e Letizia. In mediana Calò con Acampora e Ionita che agiranno da mezzala. In attacco Improta e Tello a dare sostegno a Lapadula.

Arbitra il signor Simone Sozza della sezione di Seregno

La gara 

Pisa che va in vantaggio all’11: ripartenza rapida degli uomini di D’Angelo con Benali che riesce a deviare in rete un cross di Puscas. Due minuti dopo ci prova Puscas con una conclusione dalla distanza che si abbassa ed esce di pochissimo. Annullato un gol a Puscas al 21’, che in mischia tocca il pallone in fuorigioco. Lascia partire una conclusione Mastinu al 23’ ma il pallone esce di un soffio. Benevento che fa fatica a uscire fuori. Dovrebbe cercare di alzare un po’ di più il baricentro. Masciangelo prova un sorta di tiro-cross al 30’ ma il pallone sorvola la traversa non di molto. Al 33’ Leverbe atterra Lapadula in area e induce l’arbitro a fischiare il rigore, ma poi torna sui suoi passi per la segnalazione di fuorigioco del suo assistente. Primo tempo che si chiude dopo due minuti di recupero.

Prova a cambiare qualcosa Caserta e mette dentro Insigne al posto di Ionita al 51’. Occasione anche per la Strega al 54’: cross di Tello e per pochissimo non trova l’impatto vincente Improta. Spinge la squadra di Caserta alla ricerca di un gol importantissimo, ma deve fare attenzione a non concedere troppo campo al Pisa. Aumenta il peso in attacco il Benevento e manda in  campo forze fresche: Moncini, Elia e Viviani rilevano Improta, Masciangelo e Acampora al 69’. Trascorrono i minuti e sale il nervosismo per la Strega. Dentro anche Forte al posto di Calò all’84’. Beruatto sfiora la traversa sugli sviluppi di un calcio di punzione al 90′. L’arbitro concede 5 minuti di recupero ed è stepitoso Paleari al 93′, bravo ad evitare il raddoppio prima su Lucca e poi su Sibilli. Il Benevento non riesce a trovare il pari. In finale ci va il Pisa che affronterà una tra Monza e Brescia.

Commenti
avatar

Claudio Donato

Claudio Donato, giornalista-pubblicista. Al suo attivo già diverse collaborazioni con varie testate giornalistiche.