Gli interventi di Giuseppe Bruscolotti, Sabatino Durante e Francesco Modugno a Radio Marte

A Radio Marte nel corso di “Marte Sport Live” è intervenuto Giuseppe Bruscolotti

“Non voglio nemmeno commentare i tifosi dello Spezia, hanno oltraggiato un defunto e il più grande di tutti i tempi. Cori del genere sono imperdonabili.
Io mi auguro che le istituzioni, una volta per tutte, si diano da fare. Questi episodi, durante una partita che non dice niente, sono assurdi. Quando si muovono tante persone, e non un singolo, bisogna chiudere il settore.
La cosa strana è che ai napoletani arrivarono migliaia di multe, negli altri stadi abbiamo assistito a cose peggiore senza sanzioni. Perché a Napoli ci sono tutte quelle misure e negli altri stadi no?
Alla stagione del Napoli do un sette e mezzo. Spalletti? Solo chi non opera non sbaglia, gli errori sono di tutti anche perché chi va in campo sono i calciatori. Al Napoli è mancato un leader in campo, in passato quando c’era qualcosa che non andava si comunicava subito all’allenatore. Tanti giocatori sono esecutori, vanno a fare il compitino, un giocatore di carattere trova la forza nei momenti difficili.
Ibrahimovic non è stato preso a caso, sul campo da tantissimo carisma, è uno che si fa rispettare. Maldini è l’icona del calcio mondiale. Sono personaggi che solo la presenza dice tanto, i giovani del Milan si sono aggrappati a questi personaggi. I rossoneri erano inferiori a Inter e Napoli, ci hanno creduto di più e hanno imposto il loro gioco”.

A Radio Marte nel corso di “Marte Sport Live” è intervenuto Sabatino Durante, operatore di mercato
“Osimhen? Dipende dall’offerta, con 100 milioni di euro non ci sarà da pensare molto, è un ottimo giocatori ma con quei soldi compri giocatori di alto livello.
Il Napoli ha un budget particolare, quindi, deve rimanerci. 100 milioni di euro, credo, sono la metà del budget del Napoli. Osimhen non ti fa vincere lo scudetto, o ti porta in Champions, ma sono i 18/19 della rosa. In Italia facciamo diventare fenomeni giocatori che non lo sono, Osimhen non lo è ha scarsa tecnica. Osimhen vale 30/40 milioni, Lukaku in Italia era un grande giocatore e vedi ora in Inghilterra. Bisogna rapportarsi alla realtà, è terminato un campionato in cui ci siamo esaltati tutti, ma è un campionato mediocre.
Se tu ti salvi con 31 punti c’è da riflettere, mentre davanti era una gara per non vincere.
Ederson è un ragazzo che non trovava spazio, non è un fenomeno, contro il Cagliari non ha mai visto palla. Ha qualità tecnica, ma quando sento parlare di 30 milioni di euro mi si accappona la pelle, in Brasile ce ne sono tantissimi così.
Il mercato sudamericano è particolare: ci sono tanti talenti ma pochi giocatori pronti per il nostro calcio, che non è come in Sud America. Devi prendere giocatori giovani e all’inizio, altrimenti arrivano le big come il City di Guardiola.
Il problema dell’Italia è che abbiamo la barriera, solo 2 slot per i Sud Americani”.

A Radio Marte nel corso di “Marte Sport Live” è intervenuto Francesco Modugno, giornalista
“Koulibaly è, evidentemente, a ‘rischio’. Ha un mercato importante, proposte concrete, ma la società ha la sua valutazione e bisogna vedere se qualcuno lo accontenterà. Lo scenario più triste sarebbe quello di perderlo a parametro zero.
È un rischio molto concreto, i giocatori tutelano anche le proprie carriere. Fabian sarebbe potuto andare al Newcastle anche a Gennaio, e il club con il giocatore rifiutarono. Oltre l’aspetto economico c’è quello professionale. Non è detto che si trovi in questo mercato la soluzione.
Osimhen ha margini di crescita enormi ed è un giocatore che non si può deprezzare, anzi, se fa una stagione intera può fare 30/35 gol”.

Commenti