Un Benevento concreto affonda il Venezia con La Gumina e Koutsoupias

Con gli ultimissimi arrivi di Kubica, Leverbe, Schiattarella, Ciano e Simy,  è un Benevento che cambia pelle e aggiunge qualità e sostanza ad una squadra che ne aveva bisogno. Si gioca contro il Venezia di mister Javorcic, che ha detto ai suoi ragazzi di non  abbassare la guardia. Il Benevento è reduce dalla vittoria contro il Frosinone e vuole fare bella figura anche qui in laguna.

Ma veniamo alle formazioni che daranno vita a questa quarta giornata del campionato di serie B. Nei padroni di casa mancheranno Zampano, Di Busio e Cheryshev. Questo l’undici iniziale che scenderà in campo dal primo minuto: Joronen in porta, in difesa Candela, Wisniewski, Ceccaroni, Haps. Linea mediana composta da Crnigoj, Fiordilino, Cuisance. In attacco De Vries alle spalle di Connolly, Pohjapalo.

Nel Benevento spazio al nuovo acquisto Veseli, ma ecco la formazione: Paleari tra i pali, Capellini, Glik, Veseli a comporre il terzetto difensivo. Mediana con Improta e Foulon sulle corsie esterne. Tello e Karic, ai lati di Acampora, completano il reparto centrale. In attacco l’ex Forte e La Gumina.

Arbitra l’incontro il signor Federico Dionisi della sezione di L’Aquila.

La gara 

Al 3’ è Connolly a scaldare le mani a Paleari che deve distendersi per respingere la sua conclusione. Prova a farsi vedere l’ex Forte all’8’: sugli sviluppi di un corner prova l’acrobazia ma nulla di fatto. Ammonito Haps per un fallo su La Gumina al 15’. Al 38’ prova un cross sbilenco Tello che per poco non beffa il portiere del Venezia. Ammonizione per Foulon al 42’ che ferma fallosamente Cuisance. Annullato un gol a Connolly per fuorigioco di Ceccaroni al 44’. Le squadre vanno a riposo dopo un primo tempo avaro di emozioni.

Vantaggio del Benevento al 52’: Ceccaroni va a colpire il pallone di testa che giunge a La Gumina, rapido a battere a rete. Sul tiro dell’attaccante c’è anche una deviazione dello stesso Ceccaroni. Nel giro di un minuto, tra il 57’ e 58’, due ammonizioni: a farne le spese sono Karic che commette fallo su Haps e Wisniewski del Venezia per fallo su Foulon. Si fanno sentire i tifosi del Benevento. Venezia che accusa il colpo.

Lagunari che provano a rendersi pericolosi con una conclusione di Haps dalla distanza che impegna Paleari. Al 74’, sugli sviluppi di un corner, la spizzata di Connolly serve Novakovich che colpisce di testa da distanza ravvicinata, ma super Paleari salva.  Raddoppio della Strega al 77’: il sinistro di Koutsoupias, appena subentrato  a Karic, non lascia scampo a Joronen. Costruisce un’azione pericolosa il Venezia all’81’: Paleari devia oltre il palo una conclusione di Haps. Concessi cinque minuti nei quali Pierini conclude alto da posizione favorevolissima. Per il Benevento altri tre punti preziosissimi per il prosieguo del campionato.

Commenti
avatar

Claudio Donato

Claudio Donato, giornalista-pubblicista. Al suo attivo già diverse collaborazioni con varie testate giornalistiche.