Gli interventi di Vincenzo Montefusco, Luca Marchetti e Beppe Galli a Radio Marte

Vincenzo Montefusco, ex giocatore e allenatore del Napoli, è intervenuto a Radio Marte in MSL-Forza Napoli Sempre(ogni giorno in onda dalle ore 12 alle 13): «Affinità tra la fascia sinistra di Sarri e quella attuale? Le caratteristiche sono completamente diverse. Insigne si sacrificava a rientrare; Ghoulam era in condizione eccezionale e spingeva molto più di Mario Rui oggi e poi c’era Hamsik che è un mostro del calcio. Però, delle analogie con l’attuale catena di sinistra ci sono. Chi è stato bravo contro il Milan è stato il centravanti che ti ha procurato la vittoria, grazie anche a Mario Rui per l’assist. Ma il calcio è anche fatto di occasioni e azioni che capitano e si concludono in un certo modo. Certo la corsia di sinistra di Sarri era una tra le più forti d’Europa. Zielinski sta facendo la mezz’ala, cioè quello che sa fare. E sta giocando a grandissimi livelli. Bisogna dare i meriti a Spalletti per aver impostato la squadra sfruttando al massimo le caratteristiche di tutti i calciatori. Sicuramente ora il centrocampo del Napoli è quello che dà affidabilità e sicurezza alla squadra, a me piace moltissimo. Prossimamente gli avversari cominceranno a bloccare Lobotka e quindi dovrebbe entrare in azione Zielinski a sostituire appunto il compagno. In questo momento credo che Lobotka sia più forte di Jorginho. La più grande rivincita tra se l’è presa Meret: le critiche erano sui gol strani che prendeva. Adesso che non c’è Ospina e non ha avuto infortuni ha dimostrato sicurezza e personalità».

Luca Marchetti, giornalista di Sky Sport, è intervenuto a Radio Marte in MSL-Forza Napoli Sempre(ogni giorno in onda dalle ore 12 alle 13): «Come efficacia in questa squadra, Lobotka è meglio di Jorginho. Il miglior acquisto di Giuntoli potrebbe essere Di Lorenzo. Ma è un mio “debole”. La cosa importante è che stanno funzionando all’interno di un progetto tecnico. Merito di Spalletti e in generale del Napoli. Kvara è stato l’acquisto estivo che ha stupito di più, forse il migliore della Serie A. L’asse di sinistra può ricordare quello di Sarri ma, secondo me, come qualità siamo sotto. Anche se è difficile giudicare perché abbiamo ancora negli occhi giocate straordinarie e quindi se dovessimo paragonare i tre di allora alla situazione odierna, quelli forse avevano qualcosa in più. Dobbiamo dare il tempo ai ragazzi di oggi per dimostrare quello e quanto valgono. Su Kim la clausola rescissoria vale se il calciatore non si trova più bene in un posto. Credo che il Napoli non abbia necessità a prendere un calciatore più esperto di Di Lorenzo. Anche perché quest’ultimo è intoccabile e quindi il sostituto non giocherebbe mai».

Beppe Galli, agente di calciatori, è intervenuto a Radio Marte in Marte Sport Live (ogni giorno in onda dalle 13 alle 14 e dalle 20 alle 21): «Meret? Fortunatamente il Napoli alla fine ha capito che il portiere bravo ce lo aveva in casa, per il quale aveva pagato tanti saldi all’Udinese nel 2018. Credo che meriti il rinnovo e che la sua storia a Napoli possa essere ancora lunga. Prolungare l’accordo con Kvaratskhelia? Giuntoli è bravissimo e già sa quello che deve fare, anche se nel nostro mondo non c’è una regola, nel calcio non esiste la prassi: quello che pensiamo oggi di un calciatore è già sbagliato domani. Il georgiano ha un contratto quinquiennale a cifre basse, per cui tra un anno credo sia il caso di ritoccarlo allungandolo di un anno. Giuntoli è un ragazzo intelligente e sicuramente a fine anno gli rinnoverà il contratto. Che Kim già abbia tanti estimatori in Premier non mi sorprende. E’ un giocatore forte e il Napoli è stato più veloce di altri club ad acquisirlo. I meriti vanno a Giuntoli e ai suoi collaboratori».

Commenti