Cosenza-Benevento 1-1: per la Strega è un pari che lascia amarezza e delusione

Allo stadio Gigi Marulla il Cosenza sfida il Benevento di Fabio Cannavaro. Gara valida per la 20^ giornata del campionato di serie B. I padroni di casa, reduci da tre sconfitte consecutive, sono alla disperata ricerca dei tre punti. Il Cosenza deve fare a meno di Calò a centrocampo e Gozzi in difesa. Tra i pali il neo acquisto Micai mentre Cortinovis partirà dalla panchina.

Tra squalifiche e infortuni il Benevento non potrà contare su Viviani, Tello e Acampora, Vokic, Leverbe, Letizia e Masciangelo. Centrocampo in grande emergenza per la squadra sannita e scelte obbligate per il tecnico Cannavaro.

Questi gli undici iniziali che scenderanno in campo.

Cosenza con Micai in porta, Rispoli, Vaisanen, Meroni, e Martino in difesa. Florenzi, Voca e Brescianini in mediana.  Attacco con Kornvig alle spalle di Larrivey e Nasti.

Risponde il Benevento con Paleari in porta, El Kaouakibi, Glik, Veseli, Foulon in difesa. Koutsoupias, Schiattarella e Karic a centrocampo. Attacco con Ciano e Improta alle spalle di La Gumina.

Arbitra Giacomo Camplone della sezione di Pescara.

La gara 

Prima della gara è stato osservato un minuto di raccoglimento per ricordare la scomparsa di Gianluca Vialli. Al 16’ conclusione del Cosenza con Voca che Paleari blocca centralmente. Giallo per Foulon al 18’: il difensore della Strega commette fallo su Kornvig. Prova a replicare il Benevento al 22′: la conclusione di La Gumina che non crea particolari problemi al portiere Micai. Termina sul taccuino dell’arbitro Nasti del Cosenza che al 24’ trattiene Schiattarella. Rigore per la Strega al 28’: su cross di Ciano è Martino a colpire il pallone con il braccio. L’arbitro non ha dubbi e dagli undici metri è Ciano che porta in vantaggio il Benevento al 31’. Per lui è il primo gol con la maglia giallorossa. Al 36’ Koutsoupias impegna Micai con un tiro dalla distanza ma il portiere del Cosenza si rifugia in angolo. Il primo tempo si chiude dopo due minuti di recupero.

Sfiora il pari il Cosenza con un cross di Martino al 53’: il pallone viene deviato e assume una strana deviazione, ma Paleari si salva con l’aiuto della traversa. Doppio cambio per il Cosenza che manda in campo Merola e La Vardera al posto di Brescianini e Martino al 56’. Al 60’ Glik serve La Gumina ma la conclusione dell’attaccante esce di poco fuori. Il Benevento manda in campo Simy al posto di La Gumina al 70’, ma anche il Cosenza richiama in panchina Kornvig per dare spazio a D’Urso. Ammonizione per proteste Meroni del Cosenza al 73’.

Sfiora il raddoppio Schiattarella sugli sviluppi di un angolo: al 75’ la sua sforbiciata manda il pallone di poco alto sulla traversa. Altri due cambi per i padroni di casa  che al 77’ mandano in campo Zilli e il nuovo acquisto Cortinovis al posto di Rispoli e Larrivey. Giallo per Voca che commette fallo su Foulon all’81’. Due cambi nel Benevento che manda in campo Kubica e Farias al posto di Koutsoupias e Ciano. Arriva il pareggio del Cosenza all’89’: angolo di D’Urso e colpo di testa di Merola per la conclusione di Vaisanen che supera Paleari.

Concessi quattro minuti di recupero e al 92’ viene ammonito La Vardera che commette fallo su Improta. Al 93’ la Strega manda in campo Forte al posto di Karic. Al 94’ è Micai che si oppone ad una conclusione di Farias. Il match termina con un pari che lascia tanto amaro in bocca ad un Benevento che aveva assaporato la vittoria fino a pochi minuti dalla fine.

Commenti
avatar

Claudio Donato

Claudio Donato, giornalista-pubblicista. Al suo attivo già diverse collaborazioni con varie testate giornalistiche.