Primavera, 28 secondi al centro del mercato: la strana vicenda di due baby-campioni

Qualche secondo di troppo stava trasformando in un incubo il sogno di due talenti del Lecce — Mattia Persano e Andrea Cicerello — impedendo loro di vestire la maglia del Napoli. Lunedì il tesseramento era arrivato fuori tempo massimo: ventotto secondi dopo il termine stabilito delle 23. La Pec — la posta elettronica certificata — inviata dal club azzurro alla Lega non è stata accettata per un’inezia privando così il tecnico Saurini di due rinforzi importanti per la formazione Primavera. Il Napoli, però, ha deciso di non mollare e ieri ha presentato ricorso proprio come il Bari che si era visto negare l’acquisto di Joao Silva addirittura per pochi centesimi di secondo. In serata è arrivato il dietrofront e così i due diciottenni arrivano in azzurro con la formula del prestito con diritto di riscatto.

La Repubblica

Commenti