COMUNICATI

Di Gennaro: “Napoli, non si può parlare già a settembre di turnover”

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Antonio Di Gennaro, ex calciatore:

La vittoria è importante sempre, ma quando ci sono impegni ravvicinati aiuta anche a sopperire a momenti particolari. Dopo l’eliminazione dalla Champions, il Napoli ha perso molto dal punto di vista mentale. Credo che determinate certezze arrivano solo attraverso vittorie e prestazioni. La squadra del Palermo rispecchia il carattere dell’allenatore, è dura a morire, compatta e forte. Credo che la società azzurra debba dare un segnale importante all’allenatore, ma se Benitez ha rifiutato il rinnovo, credo che non ci sia più possibilità di riavvicinamento. Ma, è normale che ci siano delle voci in momenti come questi, fa parte del gioco. Mertens è un giocatore insostituibile. Mi meraviglio quando a settembre si parla di turnover, quando sono state giocate pochissime partite. Apprezzo Benitez, ma questo cambio repentino della squadra a Udine mi ha sorpreso. La squadra non ha certezza anche perché i calciatori vengono impiegati in ruoli diversi ed invece serviva continuità, soprattutto dopo la vittoria in Europa League”.

Il presente comunicato ci è stato inviato da Crc, decliniamo ogni responsabilità per il contenuto dello stesso

 

 

 

Commenti
Segui il canale PianetAzzurro.it su WhatsApp, clicca qui
avatar

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!