Ventura: “Ora siamo maturi, possiamo diventare grandi”

Ventura DMF_1455 Napoli-Torino 5/10/14La settimana perfetta del Toro, che era iniziata con l’impresa di Bilbao, si è conclusa con il colpaccio sul Napoli. Per Giampiero Ventura la gioia non si ferma qui: si tratta infatti della doppia abbinata, dopo la prima vittoria italiana al San Mames, anche il primo successo personale contro il Napoli in campionato: «E io sono molto soddisfatto perché adesso la squadra è matura per diventare grande — dice il tecnico, che analizza l’ennesima ottima partita della sua squadra — . Fin quando le forze ce lo hanno permesso abbiamo giocato alla grande contro il Napoli: abbiamo avuto un ottimo approccio, abbiamo giocato con grande lucidità e per settanta minuti abbiamo fatto bene, poi nell’ultimo quarto d’ora abbiamo pagato lo sforzo fisico e la tensione di Bilbao. Ma siamo sulla strada giusta e, considerando le vicissitudini, faccio i miei complimenti alla squadra che è scesa in campo per vincere giocando fin dall’avvio con la personalità giusta». E il Napoli rinunciatario? «Non mi ha sorpreso, ma noi abbiamo dimostrato di essere maturi e saremmo stati pronti ad affrontare il Napoli anche se fosse stato più aggressivo. D’altra parte l’abbiamo preparata in ventiquattr’ore; ma adesso la squadra coglie al volo gli aspetti tattici, sa leggere bene le partite e mette in pratica ogni contromisura». Poi l’analisi del gol che ha deciso la sfida: «Glik è stato bravo, non a caso è al sesto gol in campionato; ma anche i suoi compagni sono stati bravi a creare gli spazi, e noi lavoriamo sodo per provare queste situazioni». Il risultato, adesso, è che sono dodici le partite del Toro senza sconfitta in campionato; ed era dal 1977 che i granata non inanellavano una serie positiva così lunga: il Torino, infatti, non perde da tre mesi, dal derby deciso dal gol di Pirlo a cinque secondi dal gong.

La Gazzetta dello Sport

Commenti

Questo articolo è stato letto 352 volte