Lucariello: “Napoli, confianza da acquisire”

lucarielloGIANFRANCO LUCARIELLO, giornalista, è intervenuto a “NAPOLI MAGAZINE”, su Radio Punto Zero, trasmissione radiofonica dedicata al Calcio Napoli, che approfondisce i temi proposti sul web da NapoliMagazine.Com, in onda dal lunedì al venerdì, dalle 14.30 alle 16.00, condotta da Michele Sibilla e Antonio Petrazzuolo. Ecco quanto ha affermato: “Mauro se l’è meritata la risposta di Benitez perché non si può accusare l’allenatore spagnolo di disonestà in una discussione, anche accesa, ma di calcio. Non ho proprio idea di cosa possa essere accaduto agli azzurri a Torino, perché credevamo di aver lasciato alle spalle la squadra discontinua, immatura, che avevamo visto fino a qualche settimana fa. Purtroppo, questa è una consuetudine di questa squadra e non solo da quando c’è Benitez in panchina. La ”confianza” di cui parlava Keità dopo Roma-Juventus, a proposito della continuità di risultati e di prestazione, devi averla prima di tutto nel dna della società e dobbiamo onestamente riconoscere che il Napoli non l’ha ancora acquisita del tutto. Come si fa ad acquisirla? Si deve partire dalla struttura del club, fino alla squadra, chiunque arrivi a Napoli deve sapere che c’è l’imperativo categorico di battersi per vincere sempre, non ci si può accontentare. Nel Napoli qualche giocatore che ha questa predisposizione c’è, ma forse sono ancora pochi e quindi bisognerebbe provvedere con l’acquisto di elementi di primissimo livello, abituati ai grandi palcoscenici, abituati a giocare solo per vincere. Reina, ad esempio, è uno di questi, ma purtroppo, non gioca più nel Napoli. La Lazio, come tanti altri club, non perde di vista tutti gli obiettivi a disposizione, quindi, credo che si giocherà tutto sia in Coppa Italia che in campionato, proprio contro il Napoli. Non trascuriamo la Fiorentina e dico, anche la Sampdoria che sono tornate in corsa dopo l’ultimo turno di campionato. Sono dell’idea che in campo devono andare i migliori del momento, pur considerando delle alternative, ad esempio, Callejon può anche riposarsi un po’, ma mi affido alle scelte di Benitez che, come tutti gli essere umani può sbagliare, ma sicuramente è l’unico che può fare le scelte più ragionate”.

 

Commenti

Questo articolo è stato letto 225 volte

avatar

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!