Icardi: “Due punti persi”. Mancini: “Miglioreremo in difesa”

L’allenatore dell’Inter è parzialmente soddisfatto della rimonta dei suoi sul Napoli: “Ma sul 2-2 dovevamo tenerli lì e cercare di fare il 3-2”. L’attaccante non si accontenta e spiega: “Il cucchiaio sul rigore? Ci avevo pensato prima”

A fine gara, Roberto Mancini fa capire che non è contento, anche se non può non essere parzialmente soddisfatto della gara dei suoi: “Giocavamo a Napoli, con una grandissima squadra, se vuoi giocare come facciamo noi, qualcosa devi concedere, purtroppo. Il peccato è che noi la concediamo quando abbiamo palla e, magari, perdiamo quelle più semplici. Loro hanno giocatori bravi e noi siamo stati disattenti”. Come risolvere il problema? “Nel momento in cui riusciremo a non concedere gol, queste partite riusciremo anche a vincerle. Per il resto mi son piaciuti tutti, a parte quando perdiamo le palle più semplici. Noi dobbiamo giocare e vincere”.

Su Shaqiri – “Giocavamo a Napoli, non contro una squadretta. Qualcosa dovevamo pur concedere…Lui può fare sia il trequartista sia la punta esterna. Nel primo tempo ha preso almeno otto, nove palle tra le linee, era quello che noi volevamo”.

Il Wolfsburg, avversario in Europa League –
“Dobbiamo migliorare la fase offensiva – aggiunge Mancini – su questo non c’è dubbio. Ci complichiamo troppo la vita. I tedeschi sono molto simili al Napoli, palleggiano bene dietro e hanno davanti quattro giocatori velocissimi, se gli lasci spazi, ti possono mettere in difficoltà”.

Mentalità d’attacco – Infine viene fuori la mentalità offensiva dell’allenatore dell’Inter: “A cinque minuti dalla fine, sul 2-2, dovevamo tenerli lì e cercare di fare il 3-2, invece, siamo tornati indietro, abbiamo lasciato un po’ di spazio…”.

Icardi: “Due punti persi”.
“Per come la vedo io stasera non abbiamo guadagnato un punto, ma ne abbiamo persi due. Questo pareggio comunque resta utile perché ci aiuta a risalire la classifica”. Neanche Mauro Icardi, che ha segnato il gol del pareggio, si accontenta:  “Nel primo tempo li abbiamo lasciati giocare tranquilli e in questo modo, considerando la squadra che hanno, prima o poi ti fanno male – ha continuato – Poi siamo venuti fuori nel secondo tempo e siamo riusciti a far bene mettendoli in difficoltà”. Sul cucchiaio: “Avevo pensato prima di calciarlo in questo modo ed è andata bene”. Ma l’Inter dove può arrivare? “La nostra è una buona squadra che sta lavorando tanto e che vuole sempre dare il massimo. Abbiamo lasciato tanti punti per strada e questo ci ha penalizzati un po’. Noi sappiamo di essere una ottima squadra e sicuramente con Mancini cresceremo tanto e bene”.

Fonte: SkySport

Commenti