Questione allenatore, Sinisa Mihajlovic su tutti…

sinisa mihajlovicAvanti tutta su Mihajlovic. Ma senza trascurare gli altri candidati di lusso nel mirino di De Laurentiis. Innanzitutto Emery, il quotatissimo Klopp ma anche la carta a sorpresa Prandelli. Questa sarà una settimana frenetica a via XXIV maggio, alla sede della Filmauro. Il presidente azzurro da questo momento in poi lavorerà 24 ore su 24 per scremare tutte le possibilità a portata di mano. L’iniziale contatto con Jurgen Klopp non ha portato al sì auspicato per «le perplessità» del tecnico tedesco: la serie A non ha più il fascino di una volta, il centro (calcistico) del mondo è la Germania, la Spagna e l’Inghilterra. E quindi prima di dire di sì all’Italia, bisognerebbe attendere che tutte le grandi panchine d’Europa vengano occupate. De Laurentiis nel frattempo è al lavoro anche per Unai Emery. E il contatto è curato da Quilon, il manager di Benitez che cura gli affari anche del tecnico che ha vinto l’Europa League con il Siviglia e che in Liga si è piazzato al quinto posto, a un solo punto dal Valencia. Appunto, il Siviglia: è legato al club andaluso fino al 2016, ma con una clausola rescissoria irrisoria di 500 milaeuro. C’è feeling tra Quilon e De Laurentiis e il Napoli conta proprio su questo fattore per indurre il contesissimo Emery a rompere il contratto con il Siviglia. Ma non è facile. Vie italiane ce ne sono, come per esempio quelle che portano a Montella e a Spalletti. Ma se dovrà essere un tecnico del campionato italiano, questo sarà Mihajlovic. Stamane per prima cosa stabilirà le priorità e prenderà atto degli inevitabili no. La lista, infatti, è ampia,ma va fatalmente scremata a stretto giro. Per un grande club come il Napoli scegliere in corsa un nuovo allenatore è tutt’altro che semplice. Quindi il casting ci sta tutto. Anche se Sinisa sembra avere una vera e propria autostrada davanti a sé.

Il Mattino

Commenti

Questo articolo è stato letto 483 volte