Insigne, c’è ottimismo sul ginocchio: a rischio soltanto l’Europa League

12019945_881532485217687_4346362229867001144_nIl gol alla Juventus sarà un ricordo indelebile. Impossibile dimenticarlo. Neanche l’infortunio potrà cancellare la “prima volta” con la Vecchia Signora. Lorenzo Insigne ha dato la spallata decisiva all’equilibrio (precario) della gara: azione caparbia sulla fascia sinistra, duetto con Higuain e conclusione velenosa. La fitta al ginocchio destro, lo stesso operato a novembre scorso per la rottura del crociato, lo ha fatto un po’ tremare, ma la grande paura sembra svanita. Il Napoli ha smentito problemi gravi già nel ventre del San Paolo: escluso l’interessamento dei legamenti. Si tratta solo di una fastidiosa distorsione. Ieri il giocatore stava già un po’ meglio: il dolore non è svanito del tutto a causa dell’infiammazione, ma c’è un leggero ottimismo. Oggi pomeriggio, comunque, Insigne sarà visitato dal medico sociale De Nicola. Se la prima diagnosi sarà confermata, l’attaccante non sarà sottoposto neanche ad accertamenti. La situazione sarà ovviamente valutata con la massima cautela, un po’ il marchio di fabbrica dello staff sanitario azzurro. Insigne salterà la sfida di giovedì in Polonia con il Legia (Europa League) ma spera di farcela in extremis per la trasferta di San Siro con il Milan. È già a quota tre gol in campionato e l’obiettivo doppia cifra non è una chimera. Un Insigne così non si pone limiti.

La Repubblica

Commenti