OBIETTIVO NAPOLI – Ennesimo successo, senza sforzi e senza gol subiti

Napoli-Sampdoria SarriE’ stato poco più di un allenamento, ma anche in casa del Bruges, in una partita che non contava praticamente nulla, gli uomini di Sarri sono riusciti a portare a casa un’altra vittoria, confermando il punteggio pieno in Europa League e mantenendo ancora una volta inviolata la propria porta.
Non è stata una partita spettacolare e non è che il Napoli abbia espresso un calcio sfavillante, come d’altra parte era prevedibile. Tuttavia, nonostante le otto riserve scese in campo dal primo minuto e le scarse motivazioni, gli azzurri hanno offerto un’ulteriore prova di gran solidità e personalità. Il Bruges non si è mai sognato, nemmeno lontanamente, di vincere questa partita. I partenopei hanno gestito i ritmi, non affaticandosi più di tanto, limitandosi a tenere la difesa alta ed a proporre qualche sortita sugli esterni, visto il poco peso specifico nella zona centrale. Gli attaccanti belgi sono stati continuamente vittime del fuorigioco costantemente attuato dalla difesa napoletana ed hanno trovato pochissimi spazi per impensierire un Gabriel tutto sommato inoperoso. In avanti, invece, Callejòn, schierato da prima punta, ed Hamsik, dirottato sulla destra, hanno inciso poco, probabilmente già pensando alla sfida con l’Inter, così il peso dell’attacco è stato sostenuto quasi interamente dalle iniziative di El Kaddouri sulla sinistra e dalle puntuali sovrapposizioni di Maggio e Strinic sugli esterni. Proprio il mancino croato è risultato uno dei migliori in campo, grazie alla sua intraprendenza e alla reattività difensiva, confermando di aver ormai acquisito un buono stato di forma che potrà permettergli di aspirare ad un ruolo più importante anche in gare che contano di più.
In mezzo al campo è mancato l’apporto di un giocatore che desse maggior sostegno alla manovra offensiva, ma questo a causa delle caratteristiche tecniche dei giocatori schierati. Dei tre, David Lopez è stato quello più propositivo, andando anche vicino alla rete nel primo tempo, mentre Valdifiori ha pensato più a favorire il giro palla, e Chabolah, all’esordio dal primo minuto, si è limitato a svolgere con buona applicazione i dettami dell’allenatore, senza acuti o giocate degne di nota.
Senza particolari sforzi, dunque, e trovando anche un gol dagli sviluppi di un calcio d’angolo, cosa che sembra riuscire quasi esclusivamente in Europa (visti i tanti angoli sprecato in campionato), il Napoli ha trovato una vittoria che servirà a tenere intatta la fiducia dei giocatori azzurri in vista del big match contro l’Inter. La partita di lunedì sera potrà permettere al Napoli di candidarsi, forse per la prima volta in maniera seria dopo almeno un paio di decenni, alla conquista del massimo obiettivo in Italia. Attenzione però a mantenere in ogni caso i piedi per terra e a non farsi sopraffare dalle conseguenze di qualsiasi risultato scaturirà dalla sfida contro i nerazzurri.

Commenti

Questo articolo è stato letto 842 volte