Napoli in chiaroscuro, ma l’ importante era vincere

Quello che ha battuto il Milan, ieri sera al San Paolo, nell’anticipo serale del sabato, della seconda tornata di campionato, non è stato un bellissimo Napoli, anzi, tutt’ altro. Gli azzurri, infatti nopn son apparsi nelle migliori condizioni fisiche e mentali, fatta eccezione per il trio d’ attacco,che ha fatto faville. Mertens, è stato persino sublime, il suo calcio champagne ha permesso alla squadra di avere la meglio sui rossoneri, che in verità hanno finito la gara in 9 per due espulsioni sacrosante. Anche Sarri ha dovuto lasciare  la panchina, perchè allontanato dall’arbitro per proteste, proteste peraltro giustificate, dal momento che il primo gol del Milan era viziato da un netto fallo. Un primo tempo che sembrava aver già deciso il match, visto il doppio vantaggio azzurro firmato da una doppietta del nuovo arrivato, Milik, invece nella ripresa, il Napoli tornava in campo imbambolato, dando cosi alla formazione di Montella la possibilità di alzare il baricentro e trovare due reti nell’ arco di tre minuti, grazie a Njang e Suso. Due gol, sui quali Reina, a mio modesto avviso poteva fare meglio, specie sul primo.  Parità e tutto da rifare. A quel punto veniva fuori il carattere degli azzurri che sempre in virtù di un immenso Mertens, raddrizzavano la partita con altere due reti firmate Callejon. Dunque un Napoli in chiaroscuro, tuttavia la vittoria è arrivata ed è questo quello che conta. L’ attacco è stato l’ unico reparto che ha fatto in pieno il proprio dovere, anzi probabilmente molto di più, tanto che io darei al folletto belga, dimostratosi, in questo momento giocatore inamovibile, un bel 9, un 8 a Milik ed un 7/2 al’ uomo ovunque Callejon. Difesa r centrocampo, assolutamente da rivedere. Koulibaly ed Albiol pareva avessero la testa da un ‘ altra parte, distratti da questo interminabile mercato estivo, Allan ed Hamsik inguardabili, mentre Jorginho ha svolto un compitino appena sufficiente. Zielinsky, entrato al posto dell’ ex udinese ha dati una matcia in più al reparto. Insomma questo Napoli resta un ‘incompiuta, urge come il pane un forte difensore centrale. De Laurentiis punta tutto su Maksimovich, ma col Torino non si riesce a trovare un ‘intesa. Il mercato chiude il 31 alle 23, parafrasando un vecchio film, affermerei:  “Riusciranno i nostri eroi a portare  al termine la missione ?

Commenti