Ecco chi è Marko Rog, il giovane centrocampista croato considerato il nuovo Modric

Il solito tweet di benvenuto ad opera De Laurentiis, annuncia il 29 agosto l’ingaggio di Marko Rog, centrocampista croato classe ’95 prelevato dalla Dinamo Zagabria con la formula del prestito oneroso con obbligo di riscatto a 12,5 milioni di euro.  “Un acquisto che arricchisce un centrocampo ora tra i più completi in Europa e che darà alla sapiente mano di Sarri la possibilità di utilizzare più moduli passando da un centrocampo a tre a un centrocampo a due a seconda delle squadre che si incontreranno in Italia e in Europa”. Queste le parole con cui il presidente azzurro “presenta”  il nuovo acquisto, soffermandosi in primis sulla versatilità del giocatore, il quale oltre a riuscire ad operare da regista davanti alla difesa è stato spesso utilizzato anche come mezz’ala, ma lanciando anche una frecciatina al coach azzurro Maurizio Sarri,  invitandolo così a trarre dagli atleti a sua disposizione il meglio, impiegandoli cioè nel modo che più si addice alle loro caratteristiche. Ma torniamo a Rog! Egli cresce calcisticamente nel Nogometni Klub Varaždin, club croato, dove si mette in evidenza per le sue caratteristiche e la sua prolificità, viene poi notato e prelevato dal  RNK Spalato, club con il quale disputa una stagione per poi passare alla Dinamo Zagabria e infine al Napoli. Rog è un centrocampista moderno, veloce e tecnico, dotato di grande concretezza e lucidità, bravo negli inserimenti e anche nell’interdizione. In patria è definito il nuovo Modric, sta ora a Sarri trasformarlo da promessa a certezza!

Tilde Schiavone-Pianetazzurro.it

Commenti

Questo articolo è stato letto 1494 volte

avatar

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!