Genoa, Juric: “Mentalità vincente anche in trasferta”

Genoa, Juric: "Mentalità vincente anche in trasferta"Ivan Juric (agf) GENOVA – Il successo contro la Juventus è il passato, il Chievo è il presente. Ivan Juric traccia le insidie della trasferta contro una delle squadre più solide della Serie A: “Sono molto competitivi come dimostrano gli anni consecutivi in Serie A. Hanno un allenatore che stimo molto. Curano i particolari, lavorano bene e cambiano poco. Contro di loro non è facile per nessuno in Italia. A volte vengono a prenderti alti, altre aspettano bassi e rilanciano con le ripartenze. Sono temibili sui calci piazzati e hanno giocatori di talento”. Così l’allenatore del Genoa descrive i clivensi in conferenza stampa. Basta pensare allo splendido successo del Ferraris: “Mi auguro che il trend positivo possa continuare e che arrivi una prestazione importante fuori casa. La preparazione degli incontri per le trasferte ricalca gli incontri in casa. Non c’è differenza. E’ che te la vedi con squadre che hanno una mentalità diversa . Spero di recuperare tutti quelli che hanno giocato pure i supplementari con il Perugia. Da alcuni sono arrivate risposte positive, da altri mi aspettavo di più. E’ normale avere dei dubbi. Tutte le partite sono opportunità per mettersi in mostra. Cofie per esempio ha dimostrato che posso contare di più su di lui. Stesso discorso per Pandev”.

Ci sarà da dare il massimo allo stadio Bentegodi, contro un team che copre il campo e corre da una parte all’altra con specialisti del settore. Il Chievo in Serie A è la squadra che, dopo il Napoli, percorre mediamente più chilometri. “E’ una squadra molto competitiva e sa fare molte cose. A livello tecnico quando si affrontano certe squadre chiuse si fa maggiore fatica a sviluppare il gioco ed essere pericolosi. Quando hai a che fare con avversari che ti attaccano ma concedono metri, è più semplice sorprenderli puntando a sfruttare le chance a disposizione. Riesci pure a difendere meglio” conclude.

genoa fc

serie A
Protagonisti:
ivan juric

Fonte: Repubblica

Commenti