Barcellona, Luis Enrique: “Notte incredibile, era quasi impossibile”

Barcellona, Luis Enrique: "Notte incredibile, era quasi impossibile"La gioia di Luis Enrique (reuters) Appena una settimana fa, scottato dal 4-0 di Parigi, Luis Enrique aveva annunciato la sua volontà di lasciare il Barcellona a fine stagione. Chissà se adesso, dopo la notte magica del Camp Nou con la strepitosa ‘remuntada’ ai danni del Psg, il tecnico spagnolo non stia pensando di tornare sui suoi passi. Intanto Luis Enrique si gode un’impresa che lo consegna alla storia del calcio assieme ai suoi giocatori: “E’ stata una notte incredibile. Abbiamo vinto una partita quasi impossibile: essere 3-1 all’84’ e riuscire a segnare tre gol in cinque minuti è spettacolare. Siamo tutti felici”. Con queste parole, il tecnico del Barcellona ha riassunto ai microfoni di ‘Premium Sport’ le emozioni dell’epica vittoria per 6-1 sul Psg. “Questa è una squadra di campioni che se si mettono in testa di vincere sanno fare di tutto – ha aggiunto il tecnico dei catalani -. C’era bisogno di essere aggressivi, di primeggiare in ogni duello e poi di gestire bene il possesso palla. La squadra ci è riuscita. Complimenti ai miei ragazzi e anche ai tifosi”.
 
EMERY: “PUNITI DA PERSONALITÀ, RIGORI E FORZA BARÇA” – “La mancanza di personalità, i due rigori, altrettante decisioni dell’arbitro che ci hanno danneggiato e il valore dell’avversario”. Sono queste, secondo l’allenatore del Paris Saint-Germain, Unai Emery, le cause della clamorosa debacle della squadra francese nel match del Camp Nou. Ai microfoni di ‘Premium Sport’ il tecnico spagnolo ha aggiunto: “Non è stata una questione di esperienza, ma di mordente. E’ difficile fare un’analisi così a freddo. A sette minuti dal termine avevamo la partita in mano e abbiamo anche avuto un’occasione chiara con Di Maria, ma in questo stadio può succedere di tutto in qualsiasi momento e noi dovevamo affrontare in un’altra maniera quei minuti finali”.
champions league

barcellona-psg
barcellona
Protagonisti:
lusi enrique
Emery

Fonte: Repubblica

Commenti