Gli interventi di Pierluigi Pardo, Ciro Venerato, Francesco De Luca e Salvio Passante a Radio Crc

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Pierluigi Pardo, giornalista

“Il Napoli è favorito, ma è sempre meglio non fidarsi dell’Udinese che per caratteristiche è una di quelle che ha certa imprevedibilità. Sarri migliora i giocatori, soprattutto gli attaccanti e anche Higuain nell’anno di Napoli ha avuto tutta l’artiglieria a sua disposizione. Mertens quest’anno è stata una scoperta clamorosa e Insigne ha sfruttato l’onda lunga di un allenatore che ci sa fare, ma poi ci sono anche i meriti personali di Insigne che è diventato un giocatore compiuto.

Fossi nel Napoli blinderei Mertens, ma si può anche decidere di monetizzare, a patto però che sia la società a scegliere senza restare in balia degli eventi.

Il progetto del Milan mi pare ci sia, non credo faraonico, ma forse vogliono operare a fari spenti. Arrivare in Champions fa gola e l’anno prossimo ci saranno 7 sorelle che concorreranno per 4 posti. Mi sembra più facile che l’Inter possa avere progetti ambiziosi sin da subito”.  

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Ciro Venerato, giornalista

“Dopo Pasqua, De Laurentiis dovrà chiamare i procuratori di Insigne con un faccia a faccia diventato ormai inevitabile. Al momento i mancati rinnovi di Insigne e Mertens bloccano l’operato di Giuntoli e Sarri. L’attaccante napoletano non vuole cedere i diritti di immagine, o quantomeno li darebbe al Napoli se l’ingaggio fosse notevolmente migliorato e mi sembra assurdo che il Napoli possa perdere un giocatore per i diritti di immagine. 

Mertens? Tutto gira attorno a quel tweed della moglie e ognuno è libero di dare interpretazioni. Il Napoli i soldi li offre è arrivato a 3 milioni per 4 anni, è una cifra che i legali del calciatore hanno accettato, il problema è extra calcistico”. 

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Francesco De Luca

“Mi sorprende l’onestà di Ciaschini, ma parliamo di tecnici e club che non hanno necessità di nascondersi vista la la dimensione dei personaggi. Insigne piace a molte squadre, sta disputando una stagione straordinaria, è diventato un punto fermo della Nazionale per cui ci sta che interessi anche al Bayern. E’ sorprendente che l’unico colloquio tra i procuratori di Insigne e il presidente De Laurentiis risalga allo scorso luglio ed è vero che il contratto del ragazzo scade tra 2 anni, ma di fronte ad una richiesta, quella dei diritti di immagine, è singolare che non si provi a stringere. 

Il Napoli non credo stia pensando di cedere Insigne anche perché non avendo clausola, se andasse via sarebbe una scelta ed è impensabile che il Napoli faccia una cessione del genere. Insigne merita delle gratificazioni da parte della società perché la continuità di prestazione merita di essere gratificata”. 

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Salvio Passante, direttore di calcionapoli24.it

“Al Napoli manca un pizzico di cazzimma in più in alcune partite. Contro la Juventus mi è piaciuto l’atteggiamento della squadra, in particolar modo mi è piaciuto Hamsik e la personalità con cui ha giocato. Poi, servirebbe maggiore continuità soprattutto in campionato quando bisogna fare la differenza. 

Sul piano tecnico forse manca qualcosina, su quello societario invece c’è ancora molto da fare. 

Sarri ha ragione su tutto, dobbiamo solo sperare che De Laurentiis dia ancora più mezzi a questo allenatore. E’ vero che abbiamo perso Higuain, ma sono arrivati almeno 4 giovani che faranno le fortune del futuro del Napoli. Non bisogna smontare l’11 base ogni anno, ma a questo organico aggiungere ulteriori pedine di qualità”. 

I presenti comunicati sono stati inviati da Crc. Si declina ogni responsabilità dal contenuto degli stessi

Commenti