Gli interventi di Francesca Benvenuti, Antonio Di Gennaro, Cioccio Marolda, Maurizio Pistocchi, Alessandro Iori, Mauro Bergonzi, Fulvio Giuliani, Ciro Venerato e Mario Donatelli a Radio Crc

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuta Francesca Benvenuti, giornalista  

“Credo che la finale di Cardiff ci permetta di capire cosa manca a questa Juve. La Champions ha dimostrato che la migliore Juventus vista recentemente in Italia ha ancora un gap importante da colmare con le grandi d’Europa. 

Allegri? A caldo ha confermato la volontà di restare, ma la Juventus ha bisogno di inserire giovani e fare un ricambio generazionale importante, non escludo qualche scossone, penso che un confronto serio fra le parti ci sarà dopo questa sconfitta”.

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Antonio Di Gennaro, ex calciatore

“In una finale ci può stare una sconfitta come quella della Juventus, ma non si può buttare una stagione intera in 30 minuti. Il Dybala accostato a Messi, ha dimostrato che deve mangiarne di pane duro. Lo stesso Khedira è mancato. Higuain ha dimostrato che gli manca qualcosa e nelle partite importanti non è decisivo: Ronaldo ha toccato tre palloni ed ha fatto la differenza. Allegri credo che resterà alla Juventus, poteva andar via solo dopo aver portato la Coppa a casa. Devono crescere tutti e ci deve essere un ricambio generazionale importante. Il Psg ha capacità economiche importanti, strutture importanti, ha bisogno di vincere in Europa. Per vincere serve mentalità: il Real Madrid l’ha dimostrato”.

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Ciccio Marolda, giornalista 

“Non so se la Juventus pensi di rinnovare la squadra oppure continuare con questa squadra, ma credo che molto dipenderà dalla permanenza di Allegri. La Juventus è la squadra da battere la prossima stagione. 

Milik-Mertens? Il belga ha fatto benissimo e penso che il Napoli ricomincerà così come ha terminato la stagione. Milik ha avuto una stagione complicata, segnata dall’infortunio al ginocchio. Credo che Mertens, dopo una stagione simile, sarà difficile da sacrificare. Tweet Nicolas Higuain? Sono contrario ad eccessi”.

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Maurizio Pistocchi, giornalista

“La Juventus è la squadra italiana che ha partecipato a 24 competizioni ma ne ha vinta solo una sul campo. La Juventus ha sempre costruito squadre per vincere, ma allora cosa manca? Manca esser padroni del campo e del gioco. Rispetto alle due partite contro il Barcellona che mi avevano entusiasmato, contro il Real ho rivisto una squadra italiana che non ha mai avuto il controllo del match. La Juventus non deve essere più cattiva, ma deve giocare meglio. La Juventus dal punto di vista delle strutture è tra le top mondiali. Si continua a focalizzarsi sulle individualità dimenticandosi del gruppo. Mertens può migliorare ancora, le criticità del Napoli sono state dopo l’infortunio di Milik. Negli ultimi 20 anni le squadre spagnole con l’idea del calcio che hanno portato avanti hanno vinto tutto. Solo il Napoli si avvicina a squadre come il Barcellona ed il Real Madrid. Al Napoli per vincere manca qualche alternativa in attacco ed in difesa per provare a cambiare gioco durante il match”.

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Alessandro Iori, giornalista

“Il Var sarà utilizzato in diversi casi che però adesso sono certi: si attuerà in caso di reti, dal punto di vista del fuorigioco, cartellini, scambi di persone per cui si tratta si situazioni determinanti in una partita. L’ammonizione non viene revisionata, il var verrà applicato solo nei caso di rosso diretto. 

I tempi sono maturi per rendere online il Var, quest’anno è stata testata anche in Italia, ma teniamo conto che gli arbitri che adesso lo stanno utilizzano non hanno tutti la stessa personalità che hanno invece i nostri direttori di gara”. 

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Mauro Bergonzi, ex arbitro

“I parametri del Var sono chiari, ma se il caso accaduto in Real Madrid-Bayern in cui Vidal prende nettamente il pallone non viene contemplato non so se le polemiche possano essere placate. 

Davanti ai monitor ci saranno degli arbitri che sono degli uomini che non sono allenati a giudicare davanti ai video e non è facile. Certo, quest’anno l’hanno fatto, ma finché c’era la offline andava bene, ma quando poi bisogna cambiare le sorti di una partita diventa più complicato. 

Il Var risolverà tutti i problemi perché rappresenta il futuro del calcio, ma non so se lo farà subito. Certamente il Var funzionerà bene e confido anche nella preparazione dei nostri arbitri, a patto però che si aggiunga la semplificazione del regolamento”

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Fulvio Giuliani, giornalista

”La politica del Napoli è molto chiara. L’obiettivo numero uno era mantener il gruppo e lo si è fatto. Il Napoli ricerca giovani anche se è difficile trovare ragazzi giovani e pronti. Credo che Rog il prossimo anno possa esser decisivo. Ha giocato pochino quest’anno, ma mi sento di dire che sarà un elemento importantissimo il prossimo anno”.

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Ciro Venerato, giornalista Rai

“Tonelli piace a diverse squadre di serie A, ma si tratta di colloqui preliminari, nulla di più.

Reina? Tra ieri e oggi il Napoli ha avuto dei colloqui con Quillon. De Laurentiis ha rilanciato proponendo al calciatore di spalmare lo stipendio in due anni. L’offerta è stata aumentata a 4 milioni anziché 2 milioni e mezzo, ma in due anni. L’offerta del New Castel a Reina invece è stata triennale da 3,5 milioni a stagione. I nomi per il dopo Reina sono due: Neto e Leno. Il primo lascerà la Juve che invece andrà su Szczesny e sarebbe felicissimo di vestire l’azzurro. Lo stipendio di Leno invece, si avvicina ai 2 milioni ma il calciatore vorrà aumentarlo e poi ci sarebbe da superare lo step dei diritti di immagine. 

Ghoulam? Mendes si sta occupando del trasferimento del calciatore. A Cardiff ha parlato con Giuntoli facendogli capire che una squadra della Premier potrebbe farsi avanti. Il Napoli aspetta di capire se questa offerta se ci sarà o meno”.

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Mario Donatelli, direttore sportivo del Genoa

Pavoletti di nuovo al Genoa? Di voci ce ne sono tante, Pavoletti credo stia molto bene a Napoli, se poi dovessero verificarsi le condizioni, è un giocatore a cui non si può dire di no. Ormai è uscito dal Genoa ed ha toccato una grande squadra come il Napoli e non so se possa ritornare in una squadra più piccola come il Genoa.

Perin ha subito un infortunio e credo che ad ottobre potrà scendere in campo. Non so se il Napoli sia interessato a lui e poi noi vorremmo tenerlo. 

Zapata piace tanto al Genoa e a me personalmente, ma credo sia un profilo difficile da prendere. Stiamo cercando di mettere su una squadra che dia meno preoccupazioni anche se sono convinto che la rosa della scorsa stagione non era poi così brutta. 

Preziosi era un pò preoccupato come ognuno di noi, ma è carico ed ha broglia di ripartire, è lo stesso di sempre. 

L’allenatore è riconfermato da un pò, il Genoa non ha mia pensato di fare a meno di lui. Laxalt invece potrebbe uscire, ma solo di fronte ad un’offerta importantissima”. 

I presenti comunicati sono stati inviati da Crc. Si declina ogni responsabilità dal contenuto degli stessi

Commenti