Terry torna al Chelsea, ma solo per curarsi

Terry c’è sempre stato nella sua nuova avventura nella seconda divisione inglese. A cominciare dal debutto contro l’Hull City, ovviamente con la storica maglia numero 26 sulle spalle, fino alla prima vittoria, arrivata nella quarta giornata contro il Norwich. 16 partite, 16 volte titolare, e mai sostituito, come a voler provare di essere ancora un giocatore, vero, dopo le sole 9 presenze dello scorso anno con Conte in panchina. En plein, sempre presente, già, tranne nell’ultimo match disputato, contro lo Sheffield Wedsndey. 4 novembre scorso: appena 20 minuti, poi l’infortunio al piede, e quattro partite consecutive guardate dai box. Terry allora ha deciso di tornare a casa, per farsi curare da chi lo conosce meglio di chiunque altro, e sperare in un rapido recupero, magari partendo già dalla prossima partita. Al Villa Park arriva il Millwall, e l’obiettivo è confermare, se non addirittura migliorare, quel 5° posto in classifica che attualmente vuol dire playoff. JT con la maglia del Chelsea ha collezionato oltre 700 presenze. Vinto – tra gli altri – 5 campionati, 5 FA cup, 1 Champions e 1 Europa League. Per tre volte è stato “giocatore dell’anno” secondo i tifosi, un record del club. Numeri da leggenda… e così, è praticamente impossibile non soffrire di nostalgia.

Fonte: Sky

Commenti