Prossima fermata: Bergamo

 

 

Un avversario da non sottovalutare

Dopo aver scaldato i motori il giorno della befana contro il Verona, la vera sfida cui ci si prepara è quella di domenica a Bergamo contro i nerazzurri.

Questi ultimi il 6 gennaio vincevano contro la Roma, fuori casa, segnando due gol nella porta avversaria dei rossoneri e in uno stadio ostile come l’Olimpico. La squadra allenata da Gasperini è anche riuscita a passare ai sedicesimi di finale, e si prepara a sfidare il Dortmund a febbraio. Non solo i tedeschi, ma anche altri amanti europei dell’Europa League, si staranno chiedendo da dove arrivi l’Atalanta. Infatti, era dal 1991 che la squadra bergamasca non partecipava a sfide europee.

Segno appunto che gli orobici stanno tornando ad essere una squadra forte. Lo dicono anche i numeri. Dando una rapida occhiata ai siti di scommesse in Italia  le quote tra le due squadre variano di poco. Il Napoli sembra essere dato in vantaggio di qualche decimo: non una ragione sufficiente per adagiarsi sugli allori.

Azzurri e nerazzurri

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gli azzurri hanno cominciato l’anno proprio contro l’Atalanta, in occasione dei quarti di finale della Coppa Italia, e non è andata bene per i partenopei. Infatti i goal di Timothy Castagne (50’) e di Gomez Papu (‘81) sono valsi  a questi ultimi l’esclusione dalla semifinale.

Ci sarà chi dirà che una rondine non fa primavera, ed una singola partita non conta. Eppure, delle ultime tre sfide contro i nerazzurri i partenopei ne hanno perse ben tre, più della metà:

  1. 02/01/18: Napoli – Atalanta: 1 – 2 (Stadio San Paolo)
  2. 27/08/17: Napoli – Atalanta: 3 – 1 (Stadio San Paolo)
  3. 25/02/17: Napoli – Atalanta: 0 – 2 (Stadio San Paolo)
  4. 02/10/16: Atalanta – Napoli: 1 – 0 (Stadio Atleti Azzurri d’Italia)
  5. 02/05/17: Napoli – Atalanta: 2 – 1 (Stadio San Paolo)

Ricordiamo i due gol di Caldara Mattia, dello scorso febbraio. Lo smacco di questa vittoria, e di quella di quest’anno, è aggravato dal fatto che tale riscossa sia avvenuta in casa, sul campo azzurro.

Se la forza degli orobici e il fatto di giocare fuori casa non sono sufficienti a stare in guardia, a questo si somma un unico punto in classifica che distanzia i bianconeri dagli azzurri.

Quel punto che può fare la differenza

La Juve ha il fiato sul collo della squadra di Sarri, tant’è vicina al primo posto in classifica. La prossima sfida dei bianconeri sarà lunedi contro il Genoa. Anche se non si può mai dire che la vittoria sia già in tasca, in questo caso probabilità e sondaggi danno come favoriti i piemontesi.

Anche in questo caso la matematica non è un’opinione: la Juve otterrebbe 3 punti dalla vittoria contro il Genoa, per trovarsi con 53 punti in classifica. Che perda o che pareggi il Napoli si troverebbe secondo senza i tre punti assegnati per sopraffare l’Atalanta.

Certo, il mondo è fatto a scale c’è chi scende e c’è chi sale, ed ossessionarsi con mantenersi staticamente in cima alla classifica è poco realista e perde di vista l’obbiettivo finale la vittoria dello scudetto. Rispetto a questo tema Maurizio Sarri ha sempre dimostrato un approccio modesto e cauteloso.

Allenatore e giocatori

Il mister dei partenopei si concentra sull’allenamento, e sul risultato di ciascuna partita, piuttosto che sullo scudetto. Da impiegato di banca, Sarri è stato capace di convertire la sua passione, allenare, in mestiere, e sembra esserci riuscito alla grande.

Si tratta anche di motivare i giocatori e valorizzarli. Senza dubbio la motivazione si può evincere dalle parole di Ghoulam, in un’intervista rilasciata a TV Luna, in cui spiega di voler dare il massimo fino a maggio. Il terzino azzurro, recentemente premiato col Pallone d’oro d’Algeria, ha appena ricominciato a partecipare agli allenamenti.

La sua attitudine dimostra la passione e la voglia di giocare con la sua squadra, e anche se non potrà partecipare alla partita di questo fine settimana, in ogni caso a difenderla ci penseranno Koulibaly ed il resto della squadra partenopea.

original and literal anchor was: Un panorama dei siti di scommesse in Italia

Commenti

Questo articolo è stato letto 1084 volte