AMARCORD: Napoli-Chievo Verona, niente scherzi!

Il Napoli affronta il Chievo ultimo in classifica con l’esordio in panca di Di Carlo, già terzo allenatore stagionale dopo l’esonerato D’Anna ed il dimissionario Ventura. Sulla carta l’impegno si presenta più che abbordabile ma, come esperienza insegna, non si sa mai.
A Fuorigrotta i veneti hanno vinto due volte: il 19 settembre 2009, Napoli-Chievo 1-3. Rete di Cannavaro, pareggio di Pellissier, vantaggio di Fernandes e tris ancora con Pellissier. Secondo successo sei anni dopo, Settembre 2014, seconda giornata, Napoli-Chievo 0-1, Maxi Lopez al 4° della ripresa. Napoli non senza difficoltà anche quando ha vinto (3-1) e parliamo dell’incontro al San Paolo del 5 marzo 2016. Clivensi avanti dopo soli due minuti con Rigoni che sfrutta un errato disimpegno di Chiriches. Quattro minuti per riprendersi ed Higuain colpisce di piatto per l’1-1. Chiriches si fa perdonare lo svarione iniziale portando gli azzurri in vantaggio al 38°. Sigillo finale di Callejon al 70° che sfrutta un bel suggerimento di Allan. Tutto ciò mentre il Chievo si rende pericoloso solo una volta con Floro Flores. Ancora un incontro a Settembre (2016), discorso chiuso già nel primo tempo, 2-0, in gol Gabbiadini con un tiro alla Insigne e raddoppio con una botta di Hamsik sotto la traversa. Vittoria ben più sudata l’anno scorso, 8 aprile, in una gara che sembra stregata per le occasioni fallite, rigore di Mertens parato da un super Sorrentino ed un incredibile batti e ribatti in area con un nulla di fatto. Veneti avanti con un bel gol di Stepinski al 73° al loro primo tiro in porta. Assalto veemente del Napoli, traversa di Tonelli e pareggio al 89° con un colpo di testa del rientrante Milik pescato in area da un lancio di Insigne. Il polacco sfiora ancora il gol ma c’è gloria per Diawara che al 93° con un tiro a giro in area di rigore ribalta il risultato.
Il Chievo è salito in serie A nel 2001 e da allora vi è sempre rimasto tranne una sola stagione in B, il 2007-08. Quella retrocessione fu uno spartiacque; prima di allora il Chievo aveva disputato cinque stagioni nella massima serie arrivando per quattro volte tra le prime dieci e disputando due tornei UEFA subendo però l’eliminazione sempre al primo turno. Non sono molti i precedenti tra Napoli e Chievo, il primo dei quali ha chiuso la stagione 2008-09: risultato finale 3-0, clima vacanziero e pratica archiviata dopo soli diciotto minuti. Reti di Montervino, Bogliacino e Pià.
Ben diverso il clima l’anno successivo: clima sempre vacanziero, ma stavolta natalizio, 20 dicembre, e nuova vittoria degli azzurri. Hamsik e Quagliarella per il 2-0 finale.
Il 12 febbraio 2012 il Napoli s’impose per 2-0, con le reti siglate entrambe nei primi 45 minuti da Britos e Cavani mentre il 28 ottobre dello stesso anno fu il gol partita di Hamsik a decidere la gara. Il 25 gennaio 2014 il Napoli con Britos acciuffò il pari per i capelli con i veneti sullo 0-1 fino all’88°.

Antonio Gagliardi

Commenti

Questo articolo è stato letto 959 volte