Confronto tra il senatore Quagliariello e l’onorevole Belotti su Atalanta-Napoli e i cori discriminatori

Quagliariello: “ Giusto sospendere le partite in caso di cori discriminatori”.

In diretta a “Un Calcio Alla Radio”, trasmissione condotta da Umberto Chiariello sulle frequenze di Radio CRC Targato Italia, è intervenuto il senatore di Noi Con L’ Italia Gaetano Quagliariello, fondatore del Napoli Club Parlamento: “Noi a Napoli come sfottò siamo campioni del mondo. Lo striscione su Giulietta ha fatto il giro del mondo. Detto ciò, il problema è serio. Se uno va allo stadio, vuole sicurezza. Oggettivamente in quelli italiani non c’è. Io ho seguito il Napoli in stadi inglese. Lì se gioisci al gol arriva lo steward e dice non lo puoi fare. Lì c’è un piacere, una sicurezza che in tanti stadi italiani non trovi né a nord né a sud. Sospendere le partite? Sì sono d’accordo. Io dico soltanto una cosa: poiché non ci mettiamo d’accordo sul confine e non possiamo mettere la “VAR” sui cori allora se ci sono cose inaccettabili, meglio proibirle tutte, che non consentirle tutte perché il confine è troppo labile. Il mio interlocutore ha delle ragioni perché dice “ chi è che fissa il confine”, ma nel momento in cui diciamo che ci sono alcune cose intollerabili noi rischiamo di ammetterle tutte. Allora meglio proibirle tutte come accade in Inghilterra Si può pensare di portare in parlamento la responsabilità oggettiva? Sì. La penso come Ancelotti. Noi dobbiamo fare un passo in avanti per la civiltà. Il nostro è un campionato bellissimo ed è giusto che lo sia anche sugli spalti”.

Belotti: “ Vesuvio lavali col fuoco? Non è razzismo”

In diretta a “Un Calcio Alla Radio”, trasmissione condotta da Umberto Chiariello sulle frequenze di Radio CRC, è intervenuto Daniele Belotti, deputato della Lega: “Io militante in curva dell’Atalanta? Sì giravo l’Italia già da bambino a sostenere l’Atalanta. Sto in curva da 43 anni e ho scritto tre libri sulla curva. Secondo un pm sono stato l’unico assessore regionale al mondo indagato per troppo tifo, perché ritenuto ideologo del Bocia (ride ndr). Cori colpa mia? Secondo qualcuno sì (ride ndr). Ho avuto lo stesso reato di Cuffaro per concorso esterno in associazione a delinquere. Ricordo ancora con gioia e tanto che ho avuto uno dei più grandi orgasmi della mia vita la doppietta di Caldara. Campionato chiuso se l’Atalanta vince? Io sono ritenuto un’integralista e un talebano atalantino. Tu puoi avere una moglie, una partner e dieci amanti. Puoi cambiare partito, ma non puoi avere altra donna al di fuori dell’Atalanta. Immondizia fuori lo stadio dell’Atalanta e cartello contro i napoletani? No è un fotomontaggio che sta girando a Bergamo. È lo sfottò. Linea di demarcazione tra offesa e sfottò? Sono assolutamente contrario al fatto di sospendere le partite per discriminazione territoriale. Non puoi distinguere tra sfottò e discriminazione territoriale. Io non posso insultare nessuno e allora andiamo a teatro. Lo sfottò ci sta. Un conto è la violenza e un conto sono le scritte allucinanti. Le scritte su Scirea sono morti. Tifosi dell’Avellino definiti terremotati da qualcuno? Bruttissimo. Negli ‘80 era impensabile avere gli stadi senza barriere. Oggi in campo non arriva più niente. Vesuvio Lavali col fuoco è offesa? No, neanche questa. è roba vecchia. Ha ragione Quagliariello quando dice che non può esultare in Inghilterra. Lì il tifoso non può andare in altri settori. Tifo contro è gradevole ammissibile? Si è vero, ma ci sta anche un po’ di sfottò. Il calcio è fatto di rivalità. Voi non potete pensare che in Atalanta e Brescia io possa stare zitto su un gol del Brescia. Noi li definiamo Suini. Mazzone? Io ero in curva quando è venuto contro di noi. Ti do del terrone e non so chi sia stato. Non si può fare la caccia al colpevole perché si sbaglia. Sulla responsabilità oggettiva avete ragione. Ieri il Mattino ha messo all’interno una pagina con su scritto “Bergamo una vergogna”, però considera come genialata gli striscioni con su scritto Juve merda. Un po’ di responsabilità da chi fa informazione ci vuole”.

Commenti
avatar

Vincenzo Letizia

Giornalista sportivo, nasce a Napoli il 16/02/1972. Tante le esperienze professionali: collaboratore dei quotidiani “IL TEMPO”, “NAPOLI NORD”, “LA VERITA'”, “DOSSIER MAGAZINE”, “CRONACHE DI NAPOLI”, dei mensili “L’OASI” e “IL VOMERESE”. Corrispondente da Napoli del quotidiano “IL GOLFO”, redattore del periodico “CORRIERE DEL PALLONE”, direttore editoriale del settimanale di scommesse sportive 'PianetAzzurro FreeBet'. Responsabile dei servizi sportivi del “CORRIERE DI CASERTA”. Tra i collaboratori del ‘laboratorio di giornalismo e di comunicazione’ diretto da Michele Plastino. Inviato della trasmissione radiofonica “ZONA MISTA” in onda su CRC targato Italia. Più volte ospite alle trasmissioni televisive “Campania Sport” e “PANE E PALLONE” in onda su Canale 21, “ULTRAZOOM” in onda su TCS, “TRIBUNA Sport” in onda su Televomero, “Sotto Rete” in onda su TLA. Ideatore ed opinionista della trasmissione WEB/RADIO 'MONDO CALCIO' andata in onda sulla Tele5 Napoli tutti i lunedì alle 18,00 e i venerdì alle 21,30. Ha curato ogni sabato pomeriggio, intorno alle ore 16,30, la rubrica radiofonica su 'RADIO PUNTO ZERO' (FM 102.00) 'LA BOLLETTA' all'interno del seguitissimo programma 'Zero Magazine' in onda dalle 16:00 alle 19:00 (su www.rpz.it in Live Streaming). Ideatore e conduttore del programma TV 'CALCIOMERCATO & SCOMMESSE MONDIALI' andato in onda su Area Blu TV durante il Mondiale sudafricano. Opinionista fisso del programma TV 'AREA AZZURRI' in onda tutti i martedì alle ore 21 sul digitale terrestre 'AREA BLU TV'. Ospite fisso della trasmissione "SORRISI E PALLONI" in onda su Radio Punto Nuovo e su Capri Event TV. Opinionista della trasmissione televisiva "NAPOLI CALCIO LIFE" in onda su Capri Event TV e TeleCapri Sport. Autore e produttore della trasmissione televisiva "PIANETAZZURRO TV" in onda su RTN. ATTUALMENTE: presidente dell'associazione giornalistica AGiCaV; direttore editoriale del periodico cartaceo “PIANETAZZURRO” ; direttore generale dell'omonimo portale sportivo www.pianetazzurro.it , del sito di cronaca e intrattenimento www.campaniaveritas.it e della guida gastronomica www.golosando.eu