Gli interventi di Paolo Bargiggia a “Il Sogno Nel Cuore”

SalernitanaBargiggia“Il Sogno Nel Cuore” su 1 Station Radio: “Metà del trust proposto sarà bocciato nel consiglio di Lega di mercoledì. Lotito farà causa alla Federcalcio

“Metà del trust proposto non sarà accettato dal consiglio di Lega che si terrà mercoledì – queste le parole di Paolo Bargiggia, giornalista esperto di calciomercato, nella sua rubrica “Parola di Bargiggia” durante “Il Sogno Nel Cuore”, trasmissione condotta da Luca Cerchione e Pasquale Cassese in onda ogni lunedì dalle 12:00 alle 13:00 su 1 Station Radio -. Lotito non vuole vendere il club, ma venerdì ha ricevuto un rilancio da parte di due società consociate che hanno alzato la posta a 75 milioni di euro. Parliamo della Arkos Invest LTD e Re Invest LTD. Se dovesse venire bocciato il trust, mercoledì, Lotito farà una causa contro la Federcalcio per cento milioni di euro, perché pare ci sia una lacuna nel regolamento: sotto la lente d’ingrandimento non ci sarebbe dovuta finire solo la Salernitana, bensì anche la Lazio. Questo, secondo i legali del presidente, è un vizio di forma che potrebbe far vincere i granata in tribunale”.

ItaliaBargiggia“Il Sogno Nel Cuore” su 1 Station Radio: “Mancini merita una statua per quanto fatto. Spero che domani sarà coraggioso buttando Raspadori nella mischia

“Entusiasta dell’Italia di Mancini, con cui ho avuto parecchi scontri sul piano professionale, ma nel nostro paese dovremmo fargli una statua – queste le parole di Paolo Bargiggia, giornalista esperto di calciomercato, nella sua rubrica “Parola di Bargiggia” durante “Il Sogno Nel Cuore”, trasmissione condotta da Luca Cerchione e Pasquale Cassese in onda ogni lunedì dalle 12:00 alle 13:00 su 1 Station Radio -. In Serie A ci sono pochi italiani di valore, perché ci sono troppi stranieri inutili, nonostante ciò Roberto è riuscito a pescare un buon gruppo ed a farlo giocare bene. Onore a questa Nazionale che è riuscita a buttar fuori anche il Belgio, primo nel ranking Fifa, ed il giudizio non può cambiare nemmeno in caso di eliminazione, domani, contro la Spagna. Insigne? Sky lo ha esaltato, forse in maniera stucchevole, mentre la Rai è stata più equilibrata nel giudizio. Non ci vedo nulla di geopolitico, però. L’unica pecca di questa squadra è la prima punta: io vedrei bene Raspadori. Immobile fa fatica, perché la Nazionale gioca in pressing alto e con possesso palla, costringendo gli avversari a stare chiusi. In questo contesto, Ciro non rende. Per scardinare le difese ci vorrebbe il giocane del Sassuolo, anche perché Belotti non mi sembra in forma. Mancini è stato molto coraggioso in questo Europeo, e spero che lo sia anche con questa scelta. Spinazzola? Perdita grave, Emerson non è alla sua altezza ma non credo che il commissario tecnico cambierà assetto tattico”.

NapoliBargiggia“Il Sogno Nel Cuore” su 1 Station Radio: “Insigne rinnova o va via, solito errore di Adl con i contratti in scadenza. Sulla sinistra ho riscontri per Parisi, Emerson costa troppo

“Spalletti non ha fatto alcuna richiesta di acquisto al Napoli – queste le parole di Paolo Bargiggia, giornalista esperto di calciomercato, nella sua rubrica “Parola di Bargiggia” durante “Il Sogno Nel Cuore”, trasmissione condotta da Luca Cerchione ePasquale Cassese in onda ogni lunedì dalle 12:00 alle 13:00 su 1 Station Radio -. Sicuramente ha parlato di Emerson Palmieri, che ha anche già avuto. Il toscano, in sostanza, non vuole acquisti perché chiederà ad Adl di non vendere nessuno. Sul fronte del terzino sinistro, in uscita c’è Mario Rui: su di lui c’è il Galatasaray che ha offerto una cifra tra i sei ed i sette milioni. In entrata c’è Fabiano Parisi che, se fosse per Giuntoli, sarebbe già arrivato, ma, per il momento, De Laurentiis ha bloccato tutti gli acquisti. Il mercato dei partenopei è bloccato perché Fabian Ruiz e Koulibaly, attualmente, non hanno mercato. Per Emerson Palmieri si è inserita la Roma, e sul brasiliano c’è anche l’Inter, ragion per cui il prezzo del cartellino salirà e non sarà alla portata del Napoli. Qualora dovesse muoversi qualcosa, piace molto l’austriaco Florian Grillitsch dell’Hoffenheim, individuato come sostituto di Bakayoko. Insigne? Adl, ancora una volta, ha sbagliato strategia, così come accaduto con Milik. Di certo non puoi aspettare l’Europeo per vedere se puoi fare un’offerta inferiore, né tantomeno far giocare il capitano, leader e simbolo della squadra con un contratto in scadenza. La sensazione è che se non rinnoverà, andrà via. De Laurentiis, durante la sua conferenza, è stato chiaro: venderà tutti quelli per cui arriveranno offerte congrue. Bisogna, però, dare dei numeri per orientare il parere dei tifosi: negli ultimi anni, la società ha incassato centocinquanta milioni di euro dalle cessioni, ed il rosso di bilancio è di soli venti milioni di euro. Alla luce di questi dati, forse non c’era l’esigenza di fare questo grosso ridimensionamento. Forse lo fa perché vuole continuare a darsi i dividendi, insieme ai suoi familiari, come fatto nelle ultime stagioni, in cui si è diviso trentacinque milioni di euro. Perché non fa un aumento di capitale? Per l’imprenditore, il Napoli è rimasta la sua unica fonte d’entrata, e questo va a discapito dei risultati sportivi e dei tifosi. Giuntoli? È ancora il direttore sportivo, sia per il contratto che per i rapporti col presidente e l’allenatore. So per certo che si sentono tutti i giorni al telefono. Sarebbe stata inutile la sua presenza al day one di Spalletti, visto che il tecnico era in città per trovare casa. Maksimovic? Non rinnoverà assolutamente. Basic? Nonostante il Bordeaux sia retrocesso, il centrocampista è vicino alla Lazio. Edo De Laurentiis? Suo papà è troppo egocentrico, non me la sento di giudicarlo per quanto successo in conferenza stampa”.

JuventusBargiggia“Il Sogno Nel Cuore” su 1 Station Radio: “Cr7 resterà al 95%, spalmando l’ultimo anno di contratto su due anni. Pjanic non tornerà. Su Locatelli…

“Al 95% Cristiano Ronaldo resterà alla Juventus. L’unica incognita potrebbe essere legata a Mbappè – queste le parole di Paolo Bargiggia, giornalista esperto di calciomercato, nella sua rubrica “Parola di Bargiggia” durante “Il Sogno Nel Cuore”, trasmissione condotta da Luca Cerchione e Pasquale Cassese in onda ogni lunedì dalle 12:00 alle 13:00 su 1 Station Radio -. Se il francese dovesse lasciare il Paris Saint Germain per approdare al Real Madrid, i parigini lo sostituirebbero col fenomeno portoghese. L’ipotesi è remota, perché il Psg può permettersi di mettere in tribuna Mbappè per tutta la stagione, o, semplicemente, farlo giocare fino alla scadenza. L’idea è quella di rinnovare Ronaldo spalmando l’ultimo anno di contratto su due stagioni. Il mercato della Juventus sarà all’insegna dell’austerity, l’obiettivo sarà il ripianamento del bilancio. Per ora sembra che Kulusevski giocherà in attacco all’occorrenza, pur di non intervenire sul mercato. Per Locatelli, che ha rifiutato l’Arsenal, il Sassuolo chiede l’obbligo di riscatto, mentre i bianconeri offrono il diritto di riscatto. Dragusin o Frabotta andranno ad abbassare il prezzo del cartellino, quindi l’operazione si farà. Pjanic, ad oggi, non ritornerà. In difesa non si farà nulla se non sarà ceduto Demiral. Nonostante ciò, la Juve resta la squadra più forte e si giocherà lo Scudetto con l’Atalanta, mentre Milan ed Inter si sono palesemente indebolite”.

Commenti