Bagni: “Fatico a trovare punti deboli nel Napoli. Azzurri e Inter lotteranno per lo Scudetto, Milan terzo incomodo”

A Radio Marte nel corso della trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Salvatore Bagni, dirigente.

“Per quello che si è visto il Napoli potrebbe essere primo meritatamente. La forza era quella di cui si parlava prima dell’inizio del campionato, la squadra ha dei valori ma ora la sicurezza in sé stessi è aumentata, anche nelle difficoltà. Adesso vedere dei punti deboli in questo Napoli si fa fatica. Ovvio che siamo all’inizio, forse l’unico leggero blackout è stato nei primi 20′ contro il Genoa ma ci può stare. La convinzione, il recupero, ora ci sono protagonisti sempre diversi e fanno la differenza. Si può sopperire alla mancanza di qualche giocatore ma se hai tante possibilità di arrivare al risultato, anche con giocate, allora sono sereno.
Udinese? Ha tutta gente di movimento discreta tecnicamente e forte fisicamente. Difendono in 11 e poi ripartono con velocità e con qualità. Il motivo della partita sarà questo. Sono partiti bene, pareggiando contro la Juve e poi vincendo contro lo Spezia. Squadra da prendere con le molle, gioca bene ma non crea tantissimo, non la vedo così bene nella fase conclusiva.
Juan Jesus terzino sinistro darebbe più garanzie? Lascerebbe libero Di Lorenzo di spingere e tanti giocatori di fare attacco. A lungo andare ci sarà il suo utilizzo e potrebbe essere una garanzia. Come numero si evidenzierà la mancanza di un esterno di sinistra e poi sono preoccupato per la Coppa d’Africa, tanti giocatori andranno via e saranno importanti per tutti i reparti. Non è tanto il tempo che andranno via, più che altro riguarda ciò che può togliere. Le problematiche sono queste, tutto il resto lo vedo positivo.
La Juventus ieri ha giocato un buon primo tempo ma poi è calata. Ha gente di livello internazionale ma pure calciatori con più di 30 anni che poi dopo un po’ cala. Il Milan aveva delle assenze ma è un’ottima squadra, i valori verranno fuori. Vedo Napoli e Inter lottare per il campionato con il Milan come terza incomoda. La Lazio è un po’ così, la Roma ha portato a casa partite dove aveva molto sofferto, ieri è andata male. Si ruberanno molti punti tra loro. Quando hanno messo la Juventus tra le 7 sorelle non ne vedevo il nesso. L’allenatore si pensava potesse stravolgere la qualità della squadra”.

Commenti