Gli interventi di Luca Marchegiani, Faniele Daino e Stefan Schwoch a “1 Football Club”

A “1 Football Club”, programma radiofonico condotto da Luca Cerchione in onda su 1 Station Radio, è intervenuto Luca Marchegiani, cronista Sky ed ex portiere, fra le tante, della Lazio. Di seguito, un estratto raccolto dalla redazione ilsognonelcuore.com.

Giusto annullare la Coppa d’Africa, bisogna tutelare i calciatori. Osimhen e Koulibaly insostituibili. Su Lotito…

“Coppa d’Africa? Non sapevo si stesse vagliando la possibilità di annullarla, ma sarebbe buono perché tanti calciatori impegnati in Serie A parteciperebbero, sicuramente sarebbe positivo non esporre i ragazzi a rischi che, in questo momento, sono altissimi. È sacrosanto sospendere o annullare qualche manifestazione, perché noi civili possiamo scegliere se spostarci o meno, mentre i calciatori sono obbligati. Va detto che si è fatto molto: qui da noi i protocolli vengono applicati bene e non ci sono grossi problemi. Infine, oltre al rischio di contrarre il Covid, gli atleti giocano in un calendario già ingolfato che sta portando tanti infortuni, quindi anche sotto questo punto di vista sarebbe positivo. Io non sono né un medico né un preparatore atletico, ma quando giocavo io, dopo lo sforzo della domenica, lunedì si riposava, martedì si faceva defaticamento e dal mercoledì si ricominciava a caricare. Oggi non c’è tutto questo tempo. Milan-Napoli? Entrambe le squadre hanno tanti infortunati. I rossoneri non hanno Calabria, Kjaer, Rebic, Leao e Giroud, agli azzurri mancano Koulibaly, Fabian ed Osimhen, poi ci sono Insigne, Anguissa, Demme e Politano appena recuperati. Bisognerebbe riuscire a fare punti anche nelle partite in cui non si è al 100%, e questo è un chiaro riferimento al Napoli visto contro l’Empoli. Sulla squadra di Spalletti pesanotantissimo le assenze di Osimhen e Koulibaly: non perché Mertens o Petagna non siano bravi, ma l’attaccante sa fare troppe più cose rispetto ai suoi compagni di squadra. Di Kalidou non c’è nulla da aggiungere: è insostituibile e costringe l’intera squadra a cambiare modo di giocare. Questi due calciatori stanno condizionando le prestazioni del Napoli. Sarri? Credo fermamente alle parole di Lotito, di certo il presidente vorrà aprire un ciclo col tecnico di Figline Valdarno, nonostante l’avvio non proprio positivo”

A “1 Football Club”, programma radiofonico condotto da Luca Cerchione in onda su 1 Station Radio, è intervenuto Daniele Daino, allenatore ed ex calciatore, fra le tante, di Milan e Napoli. Di seguito, un estratto raccolto dalla redazione ilsognonelcuore.com.

Annullare la Coppa d’Africa sarebbe una bella notizia per il Napoli, che domenica può battere il Milan, ma…

“Annullamento Coppa d’Africa? Sarebbe una bella notizia per il Napoli. Tolto Osimhen che probabilmente non avrebbe partecipato, togliere Koulibaly ed Anguissa agli azzurri vuol dire togliere la spina dorsale della squadra. Se gli azzurri hanno fatto quel filotto di risultati positivi lo devono prevalentemente a questi ragazzi ed a Fabian, che finalmente ha capito cosa deve fare nel ruolo di centrocampista avanti alla difesa. La partita col Milan è storica, la memoria corre subito alle sfide dell’epoca di Maradona. Il Napoli ha la possibilità di fare una buona prestazione perché i rossoneri sono, a loro volta, tartassati dagli infortuni, soprattutto a centrocampo, ovvero nel punto di forza della squadra. Adesso il Milan è vulnerabile. L’attacco, poi, è vincolato alle prestazioni di Ibrahimovic. Il Napoli deve essere coraggioso e non deve fare calcoli, Spalletti deve dimostrare tutta la sua bravura in questo momento di difficoltà e vincere per riacciuffare il Diavolo in classifica. Scudetto? Ho sempre detto Inter, anche quando non era prima, perché ha la rosa più ampia e Simone Inzaghi non ha cambiato l’assetto tattico rispetto ad Antonio Conte, quindi il progetto è andato avanti e non si sono sentite più di tanto le assenze di Lukaku ed Hakimi. Oggi i nerazzurri sono più funzionali rispetto alla scorsa stagione, nonostante sulla carta siano meno forti, perché sono più bravi nella fase di possesso ed i numeri dei gol fatti ce lo confermano. Comunque, dietro i nerazzurri occhio all’Atalanta: squadra molto europea, fisica, ma con anche calciatori di classe”.

A “1 Football Club”, programma radiofonico condotto da Luca Cerchione in onda su 1 Station Radio, è intervenuto Stefan Schwoch, cronista Dazn ed ex calciatore, fra le tante, del Napoli. Di seguito, un estratto raccolto dalla redazione ilsognonelcuore.com.

Osimhen avrebbe risolto qualche partita non vinta dal Napoli. Auspico un recupero di Koulibaly contro il Milan per un motivo

“Milan-Napoli? In queste partite è sempre difficile dire chi sia la favorita, conta tutto come entreranno in campo le due squadre. I rossoneri saranno favoriti perché giocheranno in casa, ma gli azzurri hanno qualche recupero in più. La sconfitta dei ragazzi di Spalletti è pesante ma non bisogna far drammi, si è ancora in corsa per vincere il campionato, almeno dal punto di vista della classifica. L’Inter è la favorita assoluta, bisognerà restare vicini ai nerazzurri quanto più possibile, poi in primavera si vedrà. Quale assenza è pesata di più? Dal punto di vista della classifica, quella di Osimhen, perché i suoi gol avrebbero risolto diverse partite. Però non si può fare a meno di Koulibaly, il difensore più forte al mondo. Mi auguro di vederlo in campo contro il Milan, la sfida tra lui ed Ibrahimovic è sempre fantastica, anche se quest’anno lo svedese, fisicamente, non sarebbe all’altezza di mettere in difficoltà il senegalese”.

Commenti