Trentalange, presidente dell’Aia: “Giusto non convalidare il gol di Kessie”

Il Presidente dell’Aia, l’ex arbitro Alfredo Trentalange, dopo le numerosissime polemiche scaturite in virtù dell’annullamento della rete di Kessie in Milan – Napoli di domenica scorsa, è intervenuto per chiarire la situazione spiegando il regolamento del fuorigioco che, purtroppo molti addetti ai lavori non conoscono bene. La sua versione è stata quella di affermare che la decisione dell’arbitro Massa di non convalidare la rete del pari di Kessie, nella partitissima con gli azzurri, è stata giusta perché rispetta le regole del calcio. Ma ecco, qui di seguito, le dichiarazioni del presidente Trentalange:

Su episodi come quello di Milan – Napoli ci sono sempre margini di discussione, la regola n.11 del fuorigioco dice chiaramente che se un giocatore impatta sulla possibilità dell’avversario di giocare il pallone, è sempre fuorigioco. Ha fatto bene il Var a richiamare Massa per fargli rivedere l’accaduto, infatti, occorreva accertarsi  se il calciatore in fuorigioco, in questo caso Giroud, avesse in qualche modo impattato sull’avversario e, da quello che si è  visto, ha impattato, tentando di giocare il pallone, pur non riuscendoci, quindi si è trattato di un fuorigioco attivo.” 

Tuttavia a prescindere dal fuorigioco bastava intervenire subito quando il francese ha commesso un chiaro fallo sul difensore brasiliano del Napoli per decretare la punizione a favore degli ospiti ed il gioco non sarebbe proseguito. Un errore grossolano da parte del fischietto di Imperia che ha portato poi alle critiche e alle polemiche per il susseguente gol annullato.

Commenti