Gli interventi di Dario Canovi e Marco Conterio a Radio Marte

A Radio Marte nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Dario Canovi, agente
“La crisi ha colpito anche la Premier League. L’operazione di De Ligt negli scorsi anni si sarebbe chiusa in pochissimo tempo. Koulibaly alla Juve? Sono un suo ammiratore, Koulibaly lo prenderei sempre perché secondo me è uno dei centrali più forti al mondo. Tra Koulibaly e De Ligt scelgo Koulibaly. Anche se il secondo ha qualche anno in meno, il primo ha classe e ha tutto ciò che serve per essere il cardine della difesa. L’altro giorno ho detto che ormai non ci sono più i tifosi presidenti. Una volta i presidenti facevano di tutto, adesso si pensa più al bilancio, come fa De Laurentiis. Non mi permetto di discutere le sue scelte, però non si può dire che sia un presidente tifoso.
Dybala? Quanti giocatori bravi sono svincolati e ancora liberi? È la dimostrazione di quello che è la crisi attuale. Tanti giocatori che nelle passate stagioni avrebbero trovato squadra in 24 ore, adesso hanno difficoltà a trovare squadra anche a causa delle commissioni. I giocatori adesso si stanno rendendo conto che non è più un grande vantaggio svincolarsi. Nel resto del mondo e non solo in Europa è difficile trovare club disposti a pagare 7/8 milioni di ingaggio. Il Napoli? Resta assolutamente una squadra competitiva. Così com’è può essere una contendente alla vittoria del campionato. L’anno scorso l’ha sfiorato, ci è mancato poco. In un momento del campionato scorso era una mia grande favorita. Se arrivasse a mettere le mani su Deulofeu prenderebbe un giocatore non lontano da Insigne, a questo punto avrebbe una squadra competitiva. È chiaro che dipende da quello che accade sul mercato, perché se cominciano ad andare via anche Fabian Ruiz e Koulibaly, la rosa si indebolisce e non sarà facile competere con l’Inter che sta facendo un grande mercato. La Juventus è carente a centrocampo, se il Pogba che è arrivato è quello degli ultimi tre anni allo United non è l’acquisto sensazionale e giusto per la Juventus. Se sarà lo stesso di cinque anni fa, è stato un buon acquisto. Zaniolo? Se ci fosse stato qualche club inglese, si sarebbe già mosso. Se la Juve vende De Ligt tutto è possibile. Il mercato è condizionato da quelle che sono le entrate, nessuno può comprare se non vende. Forse il Milan che compra giovani e li fa diventare giocatori importanti. Ha fatto un’impresa con lo scudetto”.

A Radio Marte nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Marco Conterio, giornalista
“Il mercato si sta riprendendo anche se non è al livello del passato. Però scordiamoci quei livelli lì. Grandi nomi non ce ne sono, per esempio Lukaku arriva in prestito. La Juventus vuole Zaniolo ma sta proponendo un prestito con obbligo di riscatto per dilazionare il pagamento. Venerdì la Fiorentina accoglierà Jovic. Il Napoli non si sta muovendo su nessun grande nome per una questione di denaro. Quindi bisogna vendere per comprare qualche cammello. Io so per certo che c’è stato un contatto tra Giuntoli e l’entourage di Dybala. Il Napoli lo ha contattato e per ora guadagna troppo. Dall’inizio di quest’anno faccio una grossa riflessione, il Napoli sta tagliando molto. Io penso al fatto che non ci potranno essere le multiproprietà. Quando una società taglia i conti e sistema i conti sono segnali che una società sta valutando la propria vendita. Quel che sappiamo è che i contatti tra l’agente di Koulibaly e la Juventus vanno avanti. Io credo che per il Chelsea lui sia il piano C. Il Barcellona dietro è una squadra che sta cambiando tanto e un centrale fortissimo al fianco di Araujo lo vuole mettere perché per Piquè gli anni avanzano. Ad oggi l’ipotesi di un rinnovo di contratto per Koulibaly la vedo un po’ più difficile. Le società al giorno d’oggi incontrano i procuratori spesso”.

Commenti