Il presidente De Laurentiis carica la squadra in vista dei prossimi impegni, a partire dall’Inter

FORZA RAGAZZI. E allora, la carica del presidente. Abbracci, baci e pacche sulle spalle di tutti in presa diretta al centro sportivo di Castelvolturno: il modo migliore per lanciare la sfida all’Inter. E a Mazzarri. Nessun riferimento pubblico alla partita, neanche un accenno, però è ovvio che la presenza a casa azzurri di De Laurentiis, reduce da un periodo di full immersion cinematografica tra l’Italia e gli Stati Uniti e accompagnato dal Consigliere delegato, Andrea Chiavelli, è un segnale da interpretare nell’unico modo possibile: il presidente c’è; è uno del gruppo; ci crede eccome. E più degli altri ha voglia di continuare ad applaudire la striscia positiva in campionato, inaugurata dalla vittoria con il Sassuolo. Del tipo: avanti così e poi tireremo le somme.

IL CARATTERE. Ottimismo e fiducia a go-go, insomma. «L’incontro è stato piacevole e proficuo». Con Rafa, lo staff tecnico e Bigon. «Dopo essersi congratulato ieri telefonicamente con i giocatori, De Laurentiis ha voluto farlo anche personalmente con Benitez e tutti i suoi collaboratori», si legge nel resoconto stilato dal club. «Nel fare il punto sulla stagione, infatti, il presidente ha riconosciuto a Benitez e Bigon il merito di far crescere l’autostima e la tenacia di un gruppo che, da quanto ha potuto vedere da Los Angeles, continua a lottare fino all’ultimo».

SALUTO E VIA. Anche De Laurentiis s’è trattenuto al centro sportivo fino all’ultimo momento utile: dopo un bel po’ di riunioni dirigenziali e sopralluoghi di varia natura sin dalla mattina, e dopo aver pranzato con Rafa per analizzare con tranquillità ogni tipo di questione tinta d’azzurro, il presidente ha salutato tutti prima dell’inizio dell’allenamento. Presente ma discreto. Nessun discorso alla squadra, no, se non un saluto e un in bocca al lupo distribuito alla spicciolata ai singoli giocatori che, gradualmente, entravano negli spogliatoi prima di cominciare la seduta pomeridiana di allenamento.

CRESCITA E ATTACCAMENTO. Appuntamento a San Siro, insomma. Ma per chiunque volesse rinfrescarsi la memoria fino al gran gala con l’Inter, la carica del presidente resta in forma indelebile. Sul suo profilo Twitter: «Benitez sta facendo un ottimo lavoro con un gruppo che cresce giorno dopo giorno senza mollare niente fino all’ultimo. Sono molto contento anche di tutti i ragazzi che stanno dimostrando attaccamento alla maglia lavorando con grande professionalità». Parole che danno continuità al messaggio di totale fiducia in Rafa diffuso, in forma indiretta, alla vigilia della partenza per gli States e all’indomani del pareggio del San Paolo con il Palermo. In piena crisi. Ora tocca alla squadra: l’Inter è una tappa fondamentale della stagione.

Corriere dello Sport

Commenti