Sarri: “A Torino andremo accompagnati dall’orgoglio dei nostri tifosi”

Sarri_DMF_5739 Napoli-Empoli 31/1/2016 foto De Martino

Così Maurizio Sarri ai microfoni di Sky ha commentato il record storico di vittorie consecutive in campionato ottenuto contro il Carpi:

“Sapevamo che il Carpi stavano bene fisicamente e mentalmente: partita complicata ancora di più anche da un paio di episodi che ci hanno penalizzato, come un rigore non fischiato nel primo tempo e ad un gol regolare annullato a Callejon. C’è soddisfazione per il record delle 8 vittorie consecutive, ma da domani penseremo a preparare la prossima gara. 
Match contro la Juve? Dopo la partita di Torino mancheranno ancora 13 partite: se guardiamo a 13 partite fa, è una classifica stravolta, impensabile pensare che questa partita possa essere determinante. Andremo comunque a giocarci questa partita con l’orgoglio dei nostri tifosi. 
Noi abbiamo uno staff di ottimo livello, che aiuta il mio lavoro e quello dei giocatori, che sono molto applicati in questo senso: nelle ultime partite la squadra sembra che stia fisicamente abbastanza bene, i ragazzi hanno corso nonostante la terza partita settimanale. Certamente è difficile anche sotto il punto nervoso gestire le energie quando si gioca così tanto. 
Discorso prima della partita contro la Juventus? Io ho parlato molto agli uomini prima di ieri l’altro: la prossima partita non penso che servano certi discorsi, la squadra deve stare più serena possibile per affrontare al meglio questa partita.
Maturità della squadra contro il Carpi? Loro sono la squadra più pericolosa nell’attacco della profondità, ed era questo il grande rischio di questa partita.
Come si prepara questa partita vista la passione della gente? La prepareremo come sempre abbiamo fatto, anche nei momenti negativi di inizio stagione: l’entusiasmo di questa tifoseria è un qualcosa di assolutamente positivo, anzi ci hanno aiutato molto in questa partita.
Manifestazione pro Koulibaly? Io non avrei dato risalto a quei cori, ma è comunque bellissimo il gesto dei tifosi verso Kalidou”

Giuseppe Di Marzo

Commenti