Perna: “Il Napoli deve vincere per forza, e questa potrebbe essere un’arma a doppio taglio. Albiol? Si sente la sua assenza”

“Abbiamo perso uno degli attaccanti che, a lungo, poteva essere importantissimo, oggi abbiamo perso per squalifica chi doveva sostituirlo. La consapevolezza di giocare con la mente sgombra e di fare un’impresa sarebbe una panacea. La gara di domani con l’Empoli è difficile da giocare, perché magari in prospettiva si dovrebbe imparare a risparmiarsi: un minimo di calcolo va’ fatto, ed una vittoria con l’Empoli non migliora chissà quanto l’ambiente”; così, Vincenzo Perna, giornalista di Radio Kiss Kiss Napoli, incomincia il suo intervento telefonico in onda su Teleclubitalia durante Club Napoli All News: “Magari inserire bene Diawara, che ha giocato bene con il Crotone, inserire bene Giaccherini, che può dare esperienza, vedere finalmente Rog: queste sono ricette che potrebbero dare qualcosa in più. El Kaddouri e Roberto Insigne penso siano rimasti esclusivamente per mantenere le regole federali. Non penso possano essere la cura: certo, possono aiutare a rifiatare, ma non sono una soluzione definitiva. Professionalmente sono eccellenti, e hanno talento, ma che faticherebbero nel contesto Napoli

Albiol? Spero sia arruolabile per la partita con la Juventus: ne abbiamo capito l’importanza solo da quando è assente. E anche nell’impostazione del gioco, ha una lettura diversa rispetto agli altri”.

Infine, una chiosa sull’Empoli: “Martusciello conosce bene gli schemi e i metodi di Sarri, quindi potrebbe essere un’arma in meno per il Napoli. Poi, a favore dell’Empoli, c’è il fatto che il Napoli debba per forza vincere: la tenacia mostrata con il Crotone, potrebbe essere una freccia importante al proprio arco”.

Commenti

Questo articolo è stato letto 649 volte

avatar

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!