Il Personaggio – Reina, innamorato della città, leader prima che portiere

Nel calcio il ruolo del portiere è fondamentale. E’ colui che ha il compito di mantenere la porta inviolata, una grande responsabilità. E’ un ruolo che richiede di avere riflessi pronti e di essere vigile per tutti i 90 minuti. Pepe Reina inizia la sua avventura a Napoli nell’estate del 2013, alle spalle una grande avventura con la maglia del Liverpool. In azzurro mostra subito l’attaccamento ai colori del Napoli e alla città, diventando un idolo della tifoseria, vincendo anche a fine stagione la Coppa Italia. Indimenticabile quel rigore parato a Balotelli a San Siro; in quella partita il portiere spagnolo contribuì alla vittoria del Napoli contro il Milan. Dopo la parentesi Bayern Monaco, nella stagione successiva torna all’ombra del Vesuvio. “Napoli è felicità, sono tornato per questo, è il posto giusto per me e la mia famiglia, dopo un anno non abbiamo resistito”, queste le sue parole sul ritorno al Napoli, l’amore per i napoletani era troppo grande, il suo ritorno rese felici tutti. Come a tutti i calciatori, anche a Pepe Reina sono capitati dei periodi opachi, ma ha avuto sempre la voglia di migliorare. Oltre ad essere un portiere, Pepe è anche il leader per il Napoli, un compagno che tutti vorrebbero avere, un napoletano di adozione. Recentemente ha mostrato ancora una volta le qualità nella gara all’Olimpico contro la Roma, con una parata straordinaria nei minuti di recupero su un tiro pericoloso di Perotti. Quella parata ha deciso una vittoria fondamentale per gli azzurri, forse una delle più importanti per la classifica, e se Pepe continuerà così sarà sicuramente una delle pedine fondamentali per la rincorsa al secondo posto in queste ultime 10 partite di campionato. Una cosa è certa, Reina è in grande forma e ne vedremo delle belle.

Mariano Potena

Commenti

Questo articolo è stato letto 1667 volte