L’ultimatum di Pallotta: ”Senza stadio vendo la Roma”

ROMA – Se la Regione Lazio non approverà il nuovo progetto proposto dal Comune sulla costruzione del nuovo stadio, il presidente della Roma, James Pallotta, ribadisce di essere pronto a vendere il club: “Non vogliamo vendere, pensiamo che ci sia una grande opportunità per noi di costruire una squadra competitiva con uno stadio e un centro di intrattenimento”, ha spiegato Pallotta in una lunga intervista telefonica all’Ap da Boston, dove la Roma si trova in tournée. “Ma se non approveranno il progetto – ha aggiunto il patron giallorosso – allora qualcun altro dovrà andare fino in fondo”.

Nel corso dell’intervista Pallotta ha usato parole molto dure per il mercato del Milan. “Siamo rappresentanti del fair-play finanziario per come abbiamo cambiato le cose rispetto alla precedente proprietà. Parlando del Milan, non ho idea di cosa stia succedendo. Non ha senso. Non hanno i soldi in primo luogo per comprare la squadra, visto che hanno preso 300 milioni in prestito da persone che conosco a Londra, a un interesse piuttosto alto. Stanno spendendo, o almeno facendo importanti anticipi, per giocatori e pagheranno le conseguenze a un certo punto. Loro dicono che è tutto per qualificarsi alla Champions League, ma non sarà abbastanza. Quando gli stipendi saranno uguali ai ricavi, non so che diavolo succederà”. Secondo Pallotta “sono gli unici in Serie A che stanno perdendo la testa. Forse loro hanno un grande piano che un giorno scopriremo, ma il resto delle squadre sono in qualche modo razionali. Se potete spiegarmi il Milan, perché io non lo capisco…”.

as roma

serie A
calcio
Protagonisti:
james pallotta

Fonte: Repubblica

Commenti

Questo articolo è stato letto 180 volte