Roma, una maglia per Defrel: ma Monchi sogna ancora il “colpo”

ROMA – Nell’amichevole in famiglia contro la Primavera, Di Francesco ha provato quello che, in linea di massima, sarà il suo primo undici stagionale. Quello che domenica schiererà a Bergamo. E le maggiori attenzioni sono legate all’attacco. Senza il sostituto di Salah, sarà Defrel a doversi muovere sulla fascia destra. Arrivato come il sostituto di Dzeko che, al momento – seguendo il gioco delle coppie – ha come alter ego solo Tumminello – Defrel si ritrova subito titolare essenziale di una Roma ancora incompleta dal punto di vista della costruzione della rosa.

DZEKO ALLA PROVA DEL 9 – Dopo i 29 gol segnati nello scorso campionato (39 stagionali), l’attaccante bosniaco è atteso a un’altra stagione piena di reti e prestazioni convincenti, per questo Di Francesco, dagli Stati Uniti in poi, si è molto concentrato sui movimenti del centravanti, che sta cambiando il suo modo di stare in campo rispetto al periodo spallettiano. Con lui Defrel a destra e Perotti oppure El Shaarawy (che andrà a Bergamo ma ha saltato la preparazione estiva col gruppo) a sinistra. In difesa davanti ad Alisson, la linea anti- Atalanta sarà composta da Peres, Manolas, Moreno e Kolarov. Le certezze sono legate al centrocampo, una diga con Nainggolan, De Rossi e Strootman.

CERCASI EREDE DI SALAH – Cuadrado è sul mercato, ma sembra complicato che la Juve possa darlo alla Roma. Trenta milioni la valutazione del cartellino di un giocatore che piace molto a Monchi e a Di Francesco, che dopo il naufragio della trattativa Mahrez porterebbe volentieri nella Capitale anche Berardi. Lo ha allenato al Sassuolo, sa che il giocatore conosce bene il suo gioco e non avrebbe bisogno di una fase di adattamento. Piace molto pure Munir, ma il Barcellona spara alto e intavolare ora una contrattazione del genere sarebbe troppo rischioso e potrebbe far perdere ulteriore tempo prezioso ai giallorossi.

TOTTI VAR E BERGAMO – È iniziata nel frattempo l’avventura da dirigente di Totti, ormai al lavoro a Trigoria. L’ex numero dieci è stato a lezione di Var insieme al resto della dirigenza e alla squadra e partirà con il gruppo per la prima trasferta di campionato. Poi il 24 agosto andrà. Montecarlo a ritirare il prestigioso riconoscimento del presidente Uefa per “L’eccellenza professionale raggiunta”. La cerimonia verrà consumata a margine del sorteggio dei gironi Champions, ai quali Francesco presenzierà come rappresentante della Roma.

as roma

serie A
Protagonisti:

Fonte: Repubblica

Commenti