Akinfenwa braccio bionico: storia del bomber XXL

Come The Rock, e l’annuncio su Whatsapp

Forza? 98. Niente male per lui, e a vederlo in campo le scelte degli osservatori del celebre videogioco calcistico sembrano effettivamente indovinate. Perché lui, Akinfenwa, sulla panca piana è capace di sollevare fino a 200 kg, praticamente il doppio del proprio peso, e quando segna – qualche volta – ha imitato una mossa di wrestling del celebre The Rock. Inevitabile il parallelo tra i due, e se Dwayne Johnson è ormai diventato una star anche fuori dal mondo dello sport, è forse proprio là che punta anche Akinfenwa. Un gigante buono del pallone che non si è mai nascosto dietro l’enorme massa dei suoi muscoli, e ha continuato a inseguire il sogno – diventato realtà negli anni – di fare il calciatore. In carriera La Bestia ha ha giocato più di 620 incontri tra i professionisti, segnando più di 200 gol tra tutte le competizioni, e conta anche quattro presenze tra Coppa UEFA e Champions League. “Mi dicevano che non ero adatto a questo sport e ora guardatemi: sono qui a Wembley davanti a 60mila persone e ho segnato uno dei gol decisivi. Credete sempre nei vostri sogni e vedrete che prima o poi si realizzeranno” – disse nel 2016, dopo aver contribuito alla vittoria nella finale playoff di League Two del Wimbeldon, la sua vecchia squadra. La stagione successiva però, in League One, Akinfenwa non ci andò, per rimanere nella quarta serie col Wycombe fino alla nuova e recentissima promozione. Motivo del cambio di squadra ai tempi? Fine contratto, e lo stesso Akinfenwa decise così di lanciare il suo appello per una nuova sistemazione proprio dopo quella finale vinta: “So che non sarà facile giocare ancora per vecchietto come me, ma agli allenatori interessati dico: non abbiate paura, e contattatemi su Whatsapp”. Una battuta perfettamente nel suo stile sopra le righe.

Fonte: Sky

Commenti

Questo articolo è stato letto 140 volte